martedì 8 marzo 2016

Incoerente...

Io ci riesco benissimo. Certo non senza sforzi.
Parto dall'idea che "non devo": non devo pensare troppo, non devo scrivere troppo, sarebbe meglio non scrivere affatto, non c è da rimuginare, non c è da analizzare, non c è. Soprattutto non c è.
E poi la vita va presa così come viene, se è andata così vuol dire che non era destino, e no... non ci sto così male in fondo, perché si può aver di meglio, pretendere di più, accontentarsi di meno.
Poi però mi basta un immagine o un ricordo che arriva e non chiede il permesso. Si svacca lì, sul divano proprio come faceva lui, e la sento subito, la fitta allo sterno. Eccheppalle mi viene da dire, ma non si diceva che la vita non va presa così e il destino e tutte le altre fregnacce a tema?
Allora penso di non scrivere, non scrivere affatto. E invece un secondo e mezzo dopo sono lì che scrivo. E mi sorprende pure, perché risponde subito (c ha proprio una mazza da fare oggi eh...)  e allora penso di rispondere ironica, e invece scrivo due parole due che sembro pure seria.
E se da una parte sono contenta che le cose gli vadano bene, ma poi mi girano perché lui dopo una serie di righe all insegna del “io” (come abbreviazione di dio, evidentemente -  cit.) manco mi chiede come sto, e potrei essere morta e divorata dai cani alsaziani, e nemmeno se ne sarebbe accorto. Per dire.
E allora vorrei leggere che il mondo gli crolla addosso, la terra si apre sotto i  suoi piedi, o che per lo meno gli dessero una multa per divieto di sosta, o occupazione abusiva di suolo pubblico (quando porta a spasso il suo ego).
Così, perché il karma non è un opinione, e dato che m ha fatto male non è giusto che tutto gli fili liscio no?
Non dico mica niente di drammatico. Basta una scocciatura, un fastidio: una gomma bucata, quella di riserva sgonfia, la batteria dell'auto che si scarica, in una strada di campagna, sotto un diluvio universale e il cellulare con la batteria morta ma comunque tanto è caduto in una pozzanghera quando è sceso per controllare la gomma, e non c è nemmeno il fruttivendolo di bruce willis che passi di lì con un cellulare che costa più dell'ape-cross.
Ecco. Solo 'na robetta così... soft. Giusto per ricordargli che chi semina vento raccoglie tempesta.
O per lo meno è quello che zia Fedora blatera dalla notte dei tempi... mah...

Nessun commento:

Posta un commento

Maggio arriva sempre...

Maggio ‘riva sempre. Anche quando ghe ze la guerra. Anche quando l’aria non la sa de rose ma de polvere da sparo. Maggio ‘riva s...