martedì 18 febbraio 2014

No vabbè, ma allora ditelo...

Che poi va bene, l avevamo presa come giornata con tutto l ottimismo possibile, con quella punta pepata di cinismo giusto per non girare con la faccia da ebete più di quelle innamorate davvero... insomma. Si era deciso che la serata di San Valentino era perfetta, per fare una capatina all Ikea a comprare quella panchetta nera da noveeuroenovantanove che tanto bene sta davanti alla porta dello stanzino e che ieri è finita sotto il quadro di Parigi che ci sta tanto bene pure lì se non la usi come panchetta ma porta piante ma sto divagando e devo ricordarmi di mettere una virgola se no mi arrivate al punto con il fiatone, ecco. 
Ad ogni modo, il bello di arrivare all Ikea in una giornata come quella è che ci saranno stati sì e no 4 gatti... così puoi camminare senza carrelli di ferro che ti finiscano bruscamente contro il titanio o ti facciano fare il saltello della gazzella per evitarli, senza bambini urlanti madri sbraitanti e padri guinzagliati. 
Mi sono destreggiata tra scaffali e idee fino a quasi l ora di cena, poi tutti a casa. Le strade sono deserte, deserte e silenziose, si spegne anche l'insegna dell'ultimo caffè del paese, non c è nessun uomo in frac, ma io salgo su in casa con il mio pacchetto sotto braccio e la voglia di mettermi all'opera. Entro in casa e zac, vengo subito accolta dalla Melli che reclama attenzioni, coccole e l apertura del rubinetto della vasca, che bere da una comune ciotola dell'acqua non le si confà.
Così senza nemmeno togliermi la giacca, entro in bagno per aprire il rubinetto e... splash... Sono momenti di ingenua perplessità, quelli che seguono al mio domandarmi che minchia fosse successo. L'acqua ricopre gran parte del pavimento, la ciotolina dell'acqua della PalladiPelo è mezza vuota, ma in posizione corretta... che dire... sono basita. Guardo la Melli che mi guarda a sua volta chiedendomi che ho tanto da guardare, è in quel momento che, forse per invocare uno sguardo benevolo dall'universo, alzo lo sguardo e faccio l amara scoperta. Piove dal soffitto. Il soffitto del mio bagno, la parte sopra la vasca (quella attigua al salotto) sono tutte belle che impregnate di acqua. E anche il salotto, dove la macchia si allarga pericolosamente verso i quadri di papiri egiziani dop! Il tutto grazie ad un problema idraulico del piano di sopra. Grazie a Zeus, ho a che fare con persone intelligenti e disponibili, che subito sono intervenuti. 
E via di mocho fino alle dieci passate... oh sì... il tutto condito da un profumo di calce bagnata che ve la consiglio... 
Com è che si dice? San Valentino bagnato... San Valentino fortunato! 
Se, vabbè... 

A proposito di 4 gatti all'Ikea... l avete visto questo video? 

6 commenti:

  1. Quelle volte che vado all'Ikea cerco sempre di andarci in settimana che è tutto bello tranquillo ed addirittura quasi piacevole :-)

    RispondiElimina
  2. Ah, e splendida la pubblicità con i mici :-)

    RispondiElimina
  3. Acc che scarogna, meno male che si è risolta in fretta.
    L'ikea è uno dei miei posti da acquisto lampo in pausa pranzo, visto che ci lavoro vicino, perciò saranno anni che non la vedo veramente affollata (in pausa pranzo in settimana è tutto sommato vivibile).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti come diceva Linus, io l umanità la amo.
      è la gente che non la sopporto.

      Elimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...