mercoledì 11 settembre 2013

va dove... dove?

Abitare vicino alla Statale n. X implica che, appena metto il naso fuori di casa, c'è almeno un cartello che mi indica la direzione per T. 
E, credimi, io ci provo a fare finta di niente. Ma ovunque decida di andare, c è sempre un cazzo di cartello a sussurrarmi: "ehi... ma dove vai? guarda che lui è di là, dalla parte opposta..." E la mia pancia sta lì a dire "daiiii andiamo??? esssuuuuu daiiiii... andiamo? andiamo!" e quasi ti convince a rifare il giro della rotonda e tornare su per la tangenziale. Vai tu a spiegarle che non c è proprio storia, che mi sa che c hai la testa altrove. Lei vede solo il cartello per T. e l'unica cosa che comprende è che ha una voglia spudorata di risentire la tua risata. 

Nessun commento:

Posta un commento

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...