venerdì 5 aprile 2013

309 candele


4 commenti:

  1. aderisco. io che l'aquila l'ho vissuta e amata.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e spezza ancora il cuore a vederla così... con tutto quello che c hanno speculato intorno.

      Elimina
  2. L'Aquila e i monti lì intorno me li ricordo come un posto splendido, sai, di quei posti che ti lasciano qualcosa dentro, dove ti sembra di stare a casa.
    Ci diciamo sempre che ci torneremo, ma poi ci manca un po' il cuore.

    RispondiElimina
  3. L'Aquila, così come tanta altre realtà, è la vergogna di un paese che non sa pensare a se stesso. Ma quando mai ha saputo farlo?

    E grida vendetta tanto più che in tutto questo tempo l'unica cosa tangibile è stata l'ipocrisia di una classe dirigente che non ha mai voluto trovare una soluzione, forse - e spero proprio di no - perché fa comodo rispolverare la questione ogni tanto, per scopi elettorali o interessi privati che nulla hanno a che fare con la risoluzione del problema.
    Le responsabilità sono tante e i media non sono da meno. Quando è che ci decideremo a fare sentire veramente la nostra voce?

    Senza strumentalizzazioni di guru o quant'altro però, se abbiamo la capacità e il coraggio di ragionare con la nostra testa, un grido che nasce dalla volontà di cambiare, ma perché ne siamo convinti, noi principalmente.

    Evvabè!

    RispondiElimina

conto alla rovescia

La sento... la modalità "vacanza imminente" nell'aria. Me ne sono accorta quando, domenica, mettendo i miei jeans preferiti...