venerdì 11 gennaio 2013

Io, scrittore? mah...

Dopo grandi strapazzamenti lavorativi, mi prendo una pausa e prendo un caffè virtuale nel blog della mia amata Socia e ci ci trovo questo post qui. E dal momento che mi diverte molto l'idea di farvi trotterellare allegramente di blog in blog, vi anticipo già che il suo post, è stato ispirato da posto scritto da Daniele Imperi. 
E io? Che rapporto ho con la Scrittura, mia croce mia delizia? 
So per certo che scrivere mi salva la vita. E  non esagero... Quando i pensieri cominciano a cozzare l'uno contro l'altro come giocatori di football americano, l'unica cosa che riporta la pace tra i neuroni è il prendere la penna e scrivermi. Scrivere mi fa tornare al mio centro, in una sorta di equilibrio, precario ma sempre equilibrio. E poi ci sono i miei racconti i miei progetti, qualche riscontro e tanta fuffa. Ma sono sempre io, con la penna o con la tastiera tra le dita. 
Si cela in me un anima da scrittrice? 
Vediamo mo... (cito i punti elencati da Daniele, attraverso lo zen e l arte del copiaincolla)

  • Leggi più degli altri.  sì, forse sì. non so dire... ho pochi termini di confronto. 
  • Leggi meglio. e  chi può dirlo? no so nemmeno qui... però quando leggo i libri di Montalbano lo leggo doppiando la sua voce nella testa. Conta? (inizio a sudare...)
  • Sei un osservatore.  questo sì! La so!!!  Osservo le persone nel bus, per la strada, mentre fa la spesa. mi piace cogliere le diverse espressioni o gesti personali che magari sfuggono. ogni tanto provo a capire la vita di quella persona da come si veste o dall'atteggiamento... 
  • Sei un pensatore. ai limiti della pippa mentale.... 
  • Rifletti su tutto. come sopra
  • Sei curioso. come una scimmia 
  • Poni domande. sì, molte. ma prima chiedo sempre il permesso: "senti... posso farti una domanda???" 
  • Non ti accontenti. uh! ecco! allora ditelo che è l anima da scrittrice! i più sono convinti che io sia spaccamaroni! 
  • Ti vedi diverso dagli altri. spesso, molto spesso... ci sono giorni poi in cui vorrei non vedermi affatto... 
  • Hai sensibilità che altri non dimostrano. a detta di chi mi conosce bene sì. 
  • Trovi mille difetti nei film che vedi. mille no, qualcuno sì, ma pensavo fosse sempre parte dell'indole da smeriglia testicoli che mi contraddistingue. 
  • Sogni a occhi aperti. Oddio sììììì.... (no... non leggetelo con "quel" tono)
  • Vivresti in almeno uno dei mondi che hai creato. I mondi li creo quando questo mi va troppo stretto... 
  • Uccidi i tuoi reali nemici in qualche tua storia. Seeeeeeee (sì. leggetelo proprio in quel modo!) 
 beh... non mi pare di essere andata troppo male fino a qui... poi, se leggete il post c è una bella domanda:
Che tipo di scrittore sei? Anonimo o desideroso di pubblicare? ora, ok, fa tanto new age dire "ma nooooo io scrivo solo per me stesssoooo... non mi interessa la fama, la pubblicazione, la soddisfazione di vedere il risultato delle mie notti insonni su carta patinata" in verità ammetto molto spudoratamente che io le mie regali chiappe sulla poltrona di Fazio, con le gambe incrociate e l'indice che sorregge il mento, ce le metterei davvero (ovviamente scherzo).  Quindi andiamo avanti... 

  • Che cosa stai facendo per la tua scrittura? al momento ho investito sul pc nuovo... (non basta vero?)
  • Che cosa stai facendo per essere scrittore? ... ehm giro la ruota e compro una vocale.. 
  • Chi sa che scrivi? a parte la mia mamma? la mia socia, e gli amici. e chi passa casualmente di qui, legge e se sopravvive ritorna... 
  • Dove scrivi? sul mio diario, sul blog, sui fazzoletti di carta, sul retro degli scontrini, sul vetro appannato dei bus, sui post it, sulla lavagna bianca, sulle "note" del cellulare, negli sms che diventano mms perché io le abbreviazioni non le uso mai... 
  • Quanto scrivi? cof cof cof... ehm.. qualcuno di voi ha l ora? 
  • Quante storie hai concluso lo scorso 2012? ma voi, non avete fame??? 
  • Quante hai in mente di scriverne quest’anno?  una ma molto ben assestata.... poi chi vivrà vedrà. 
  • Hai iniziato a scriverne qualcuna? O stai ancora tergiversando? l ho già iniziata. 
  • È in ordine il tuo blog? non è in ordine nemmeno la mia vita... può esserlo il mio blog? 
  • Hai un blog, almeno? ne ho due a dire il vero, questo e quello "fotografico" (la vedete la mia autostima che fa la ola?)
  • Hai mai spedito una tua opera a un editore? sì! mi ricordo l emozione quando arrivò la risposta: "lei scrive in modo eccessivamente tradizionale". mi chiedo ancora che significhi, ma è passato un po' di tempo... 
  • Hai mai vinto un concorso letterario? no, mai... oddio... non è nemmeno che ne ho fatti così tanti a dire il vero (come spiegò San Gennaro a chi gli chiedeva di fargli la grazia di vincere il lotto...)
  • Qualcuno ha mai letto le tue storie? sì, e pare che qualcuno pensi non siano proprio malaccio ecco... da cosa lo capisco? da quando mi dicono "ma perché -censured- non la completi e smetti invece di arenarti come un cetaceo disorientato... 
Insomma, alla fine, io amo l arte in tante delle sue forme, ho dipinto mi diverto a giocare con la macchina fotografica e non vivo senza la musica di sottofondo, ma se devo pensare alla mia dimensione, a quella in la mia anima si rigenera. Il mondo delle parole è l'unico che ho la sensazione che m appartenga, dove sono io, semplicemente ed ostinatamente io, dove l unica cosa che riesco a nascondere sono gli apostrofi. 
Che dite? faccio parte del team? 

16 commenti:

  1. Guarda, io qua apro solo le virgolette al Sig. Thunder, che mi sembra abbia più di altri ogni titolo e merito, e lascio a lui il prosieguo


    "

    RispondiElimina
    Risposte
    1. azz... niente meno... ma tu lo sai che poi arriva e mi cazzia... sì che tu lo sai!!!l hai fatto apposta l hai fatto!!!

      Elimina
  2. Post divertente e anche sciroccato :)
    Grazie della partecipazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per lo spunto di riflessione! che poi uno ci ride sopra, ma scrivendo le risposte capisce anche che è tempo di darsi da fare sul serio...
      ben trovato!

      Elimina
  3. Ho ritrovato il tuo apostrofo (eccolo '). Si era nascosto qui sul mio blog, infilandosi in un "qual'è" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu guarda il birbante!!! io ci provo a dirgli che non si fa... ma mica mi da retta! non ha ancora capito che questo blog non è un albergo...
      Grazie eh! ;)
      e benvenuto Alessandro.

      Elimina
  4. Direi che sicuramente sei nel novero. Se solo non conservassi anche la pigrizia tipica dello scrittore, saresti a cavallo.

    Thunderblue

    RispondiElimina
  5. Ma serve davvero darsi da fare sul serio? Io sono anni che dico che ho voglia di scrivere qualcosa e ho anche un bel malloppo iniziato e mai finito. Poi ho aperto il blog e ho incominciato a scrivere di tutto e di più, (359 articoli e 23 pagine non sono malaccio), tant'è che a fine anno ho trasformato il mio blog in un bel magazine in pdf, con tanto di foto, articoli, commenti e collegamenti vari e sono indeciso se mandarlo a qualcuno per tirarci fuori qualcosa, oppure no. Boh, non lo so ancora. In effetti sono tante le cose che mi piacciono, ed è una vita che è così, ma ho idea che alla fine chi troppo vuole... :-)

    Una cosa mi aveva colpito leggendo la biografia di Morena Fanti, il suo ammettere che fare la scrittrice era stato l’ultimo dei suoi pensieri. Ecco, credo che quello che importi, sia più che essere o sentirsi qualcosa o qualcuno, un confronto leale con se stessi e, contrariamente a quel che si dice, malgrado anch’io le mie chiappe, non belle come le tue, da Fabio Fazio le metterei volentieri, scriverei prima d’ogni cosa per me stesso, con anche la soddisfazione di pensare a tutto, impaginazione e grafica di copertina compresa (me tocca, mannaggia…), agli altri, solo la possibilità di leggere e di giudicare, se è il caso.

    Questa estate tornando dal mare, pensavo al libro di Morena, “La centesima finestra”, di come sarebbe stato bene sugli scaffali di una libreria o di un autogrill… beh, ti confesso che anche un mio libro ce l’avrei visto volentieri. 

    Evvabè, come direbbe Arthur, ho dato una risposta un po’ troppo seriosa ad un post molto divertente, scritto come sempre con una bella dose di ironia, cosa che ti contraddistingue e che per una scrittrice in erba penso sia fondamentale, onde per cui, visto che il pc nuovo l’hai partorito, rispolveriamo qualche scontrino o post-it o rotolone della carta igienica e all’opera.

    Per quanto mi riguarda, appena riesco a recuperare Carla che, al momento è sparita per motivi che non sto qui a spiegarti, scriveremo un articolo a più mani, così come abbiamo fatto in passato, con “L’Antologia del Portiere” e “Giovanna a Giovanni”. Io inizierò dandovi lo spunto e poi la storia continua. Se ci stai, sarai la benvenuta e così nel frattempo ti tieni in allenamento. (non maledire il giorno che mi hai conosciuto… )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensavo... ma tu... delle mie chiappe... che ne sai???
      :P
      hhaahhaha ok... vado eh... (azz no.. è casa mia... resto va)

      Elimina
    2. Oh caspiterina, ti ho confuso? :D

      Vabbè a scanso di equivoci, io le tue chiappe non le ho mai viste, ma essendo un tipo creativo, molto creativo,posso immaginarle.

      Ho complicato le cose? :-)))

      Elimina
    3. Ma no. Per me era chiaro fosse una battuta.
      Alla peggio sarà qualche tua amica diventerà verdognola come un cetriolo...

      Elimina
  6. Oh mannaggia, ho scritto troppo. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dico già ok per la storia a x mani! partecipo più che volentieri.
      per il resto... logico che uno scrive prima di tutto per se stesso, però è altresì vero, che la voglia del "pubblico" c è. lo si vede già dal blog, se pubblichi in un blog puoi avere mille ragioni, ma da qualche parte, una delle ragioni è anche il "riscontro" è l essere letto. il pensare che ciò che vedi o che senti non resta circoscritto alla tua sfera ma raggiunge anche altri pensieri altre visioni... altro.
      quindi sì non ho più scuse... (a parte che mi manca il programma di videoscrittura cracc... ehm... che comprerò ovviamente quanto prima)

      Elimina
    2. Infatti non ho mai negato il piacere perverso che provo quando il contatore del mio blog va fuori fase. :-))

      Elimina
  7. Bene. Le premesse ci sono. Alle fine del 2013 passerò a reclamare il romanzo promesso ;)

    RispondiElimina
  8. A me dai l'idea di una persona con una forza di volontà granitica...Sono sicura che se ti applichi travolgi chiunque.
    Avvertimi quando vai da Fazio, che io la tv non la guardo mai ma se ci vai faccio in modo di accenderla.

    RispondiElimina

Inversione di rotta

E' quella cosa che fai, che dovresti fare quando qualcosa comincia a starti troppo stretto, o ti stona addosso. I campanelli d'...