lunedì 17 dicembre 2012

Di neve, di gomme e sorrisi...

Ci sono quei giorni un cui uno si chiede "perché?".
Perché ho deciso di alzarmi dal letto e inoltrarmi nei meandri di questo nostro mondo impazzito... 
Venerdì è stato uno di questi. 
Giovedì sera, dopo la lezione di Pilatesfit e Yogafit, ho arrancato verso casa, in quella che sicuramente non era la posizione del guerriero, bensì dell'ippopotamo sfatto. Mettere la Puffa in garage era pura utopia, e incurante dei messaggi di Giuliacci, la lascio a pernottare davanti casa. Così la ritrovo la mattina e fin qui... ce la possiamo ancora fare. 
Le ore passano e la neve di converte in acqua, ci deve essere qualche Marantega che gira con una bambolina voodoo con le mie sembianze in qualche parte di questo grande universo, ciò nonostante arriva sera e finalmente l ora di andare a casa.
In tangenziale mi accorgo che qualcosa non mi torna, la Puffa ha qualche difficoltà a procedere in linea retta e più vado avanzi più il problema si fa evidente (lasciando per un attimo il volante, il guardrail si fa  pericolosamente vicino)
Non ci vuole una laurea in ingegneria nucleare per capire che la gomma a destra  a terra, ma mica posso mollare la macchina qui... all'ora di punta poi. 
Prendo la prima uscita, pianto le doppie frecce e andando piano piano e radente a destra, l'idea è quella di raggiungere il posto più sicuro dove posso lasciare la mia adorata senza l angoscia di trovarne tre il mattino dopo, ossia il piazzale del benzinaio dove mi rifornisco sempre, che per ovvie ragioni la mia auto la riconosce e l'indomani magari avrà il buon cuore di aiutarmi. Bene, dal momento in cui partorisco questa idea, scatta il quarto d ora più lungo della mia vita. Nonostante le doppie frecce sempre accese, e la velocità di una tartaruga con l'attrite, e la cura di starmene più possibile al lato della strada, la fauna degli automobilisti si è notevolmente distinta. 
Ora, non vorrei fare la snob come il mio solito ma ho avuto modo di notare questa fantasia di atteggiamenti:
  • Portato sani di Audi o di berline di una certa entità: mantengono distanza di sicurezza, attendono il momento favorevole, superano con buonsenso e morta lì. 
  • Portatori insani di Suv, e di auto presunte chic: arrivano ad appoggiarsi alla targa, sgasano il motore come a frustare i poni spacciati per puro sangue, poi fanno per uscire poi rientrano fanno per uscire poi rientrano quando finalmente superano lo fanno con un passaggio radente tale da potergli alitare sullo specchietto retrovisore. 
  • Portatori squilibrati di vecchie utilitarie che vanno ancora a benzina rossa con additivo o primi esemplari di benzina verde ma verde scamarcio: suonano. suonano e imprecano e si danno alla mimica corporale quasi uscendo dai finestrini. 
Ma a Natale non siamo tutti più buoni?
Con questo dilemma e qualche pensiero scurrile ho raggiunto casa. A piedi, tra la pioggia i rimasugli di neve e quelle 5 linee di febbre a farmi compagnia. 

Sabato mattina però, il mitico benzinaio mi fa fare pace con il mondo: arrivo lì alle otto e mezza e lui non solo aveva riconosciuto la Puffa, ma si era accorto del problema ed era già intervenuto rigonfiando la ruota e controllando un paio di volte se perdeva pressione o no. "Ti devo qualcosa per tutto questo disturbo? te l ho abbandonata qui, ma non sapevo cos'altro fare" "Ma no, che scherzi, per te poi? per così poco... hai fatto bene... Se dovessi avere problemi ritorna tranquillamente, ma secondo me era solo sgonfia... E comunque se non ci si aiuta un po', dove andiamo a finire?" 

Il mio sorriso batte maledizioni della Marantega 1 a 0! 

2 commenti:

  1. Ma che tesoro questo benzinaio!
    Anche a Genova venerdì è nevicato, ma a parte metterci tre ore per fare 50km da casa a lavoro, niente di brutto (benedette le galoscine - leggi gomme invernali - che ho regalato alla Titina per i suoi 150mila).

    RispondiElimina
  2. Cinciaaa! ciao Bellezza!
    grande regalo per la Titina, io le ho trovate già "installate" per fortuna e pure con la pioggia fanno il loro dovere... salutami Genova! verrò a vederla prima o poi! :*

    RispondiElimina

Inversione di rotta

E' quella cosa che fai, che dovresti fare quando qualcosa comincia a starti troppo stretto, o ti stona addosso. I campanelli d'...