martedì 30 ottobre 2012

Goodbye

E' ufficiale.
Denzel cambia casa.
Ho temporeggiato, l ho coccolato, gli ho fatto sgranchire le ruote intorno a casa, e gli ho fatto un pieno, così perché non sentisse il vuoto interiore poco prima che io tornassi sotto i ferri la seconda volta. Ma la decisione era nell'aria, lì sospesa e aggrappata dal silenzio di un discorso che non si ama affrontare. Tutti sanno che è lì ma si fa un po' finta di nulla, si parla d'altro, prima o poi si dirà pure quello ma intanto...
Intanto il tempo è passato, il suo motore canta come un fringuello e io dovevo decidermi, fare la mia scelta. Il passo l avevo fatto, senza troppa convinzione a dire il vero. Le sue foto erano reperibili in web, con tanto di annuncio e fiocchietti. Ma non è che il n. di telefono di riferimento fosse proprio acceso ogni singolo giorno. C'è sempre stata una sorta di speranza sottocutanea che la cosa finisse lì. C ho provato ma... evidentemente... E invece no. 
Dall'altro canto chi mi sta accanto non ha mai voluto forzare la mano. Sono decisioni mie e come tali vanno gestite, con i miei tempi e i miei modi. Ci vuole pazienza.
Alla fine un messaggio lanciato su Faccialibro e boh, rispondo, vada come vada e alla fine è andata. Denzel cambia targa, cambia casa e va.
Scelta completamente dettata dalla Ragione.
Perché se è vero che al Cuor non si comanda, alle volte gli si deve pur dire di stare anche zitto.
Che se no lui prende per la tangente e comincia a ragionare sul fatto che tutto sommato si può e si deve risalire in sella, che le paure sono fatte per essere affrontate e poteva essere comodo per arrivare alla fermata del tram nelle giornate di primavera...
Alla Ragione, nella sua arringa, le è bastato dire una parola sola: Famiglia. E in aula è sceso il silenzio.
Perché alla fine, so cosa ha provato la mia famiglia a passare settimane avanti e indietro per l ospedale e poi per il centro di fisio e vedermi star male e non poter fare nulla se non starmi vicino. So bene che accetterebbero anche la scelta di tornare in sella e ricominciare a girare su due ruote. Ma so altrettanto bene che vivrebbero con il patema ad ogni ritardo, che tenderebbero l orecchio per ogni singola sirena e questa non è vita. Non se la meritano e non sarò io a dargliela. 
Così è deciso, la Corte si ritira: Denzel avrà una targa nuova di zecca e andrà verso altre avventure.
Non senza una mia punta di malinconia quando lo verranno a prendere, ma ha altre strade da percorrere che non sono le mie. 
Alla fine, come insegna il buon caro vecchio D&R, gli oggetti sono solamente oggetti. 
Le cose importanti sono ben altre.

On Air: It's no easy to be me - Five For Fighting

12 commenti:

  1. Ohi, ma vecchio a chi???
    Io sono solamente diversamente 'ggiovine.

    Vecchio, tsè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era un vecchio affettuoso... come dire Saggio.
      diciamo di tanta esperienza!!!

      :)

      Elimina
    2. Saggio a me?
      Ma ti stai riferendo proprio a me????
      Guarda che D&R e Saggio nella stessa frase non ci stanno proprio.
      Quasi quasi preferivo vecchio.

      Ho detto quasi.

      Elimina
  2. ...e se ne uscì... tirando calci distrattamente ad un sassolino, con le mani affondate nelle tasche fischiettando un motivetto, e un colpo di tacchi qui e lì...

    RispondiElimina
  3. ...e non solo la famiglia, discola

    Thunderblue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sig. Thunder, io le voglio molto bene, lo sa?

      Elimina
  4. Non credo che sia esclusivamente di Testa la scelta ... anche il cuore ha le sue ragioni e quelle a cui hai dato pecedenza, direi che sono proprio le ragioni del signor cuore:-)

    L'altra trasmissione che seguo con grande interesse, oltre a Ulisse è Voyager ... e una delle ultime puntate mi ha letteralmente lasciato a bocca aperta ... e tenuo incollato alla Tv: si affermava che il cuore ha suoi neuroni, e non solo il cuore:-)e che il cuore non è solo una pompa meccanica ...ma molto di più.

    Sembra da recenti studi che anche questa volta gli antichi dimostrano di aver ragione, e non solo perchè mangiavano le bucce e buttavano i fichi, ma perchè sapevano che il cuore, appunto, ha le sue ragioni e che nel cuore risiede niente po po di meno che l'Anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voyager?
      Roberto Giacobbo???
      Giacobbo ti lascia a bocca aperta???

      no no... nun t accetto!!! non mi si mescoli il diavolo e l acqua santa, please!!!
      non possiamo passare da Alberto Angela ad un cianciatore televisivo, ossuvvia pofperbacco!!!
      Giacobbo è capace di trovarti le coincidenze inerenti la preveggenza scritt nei fondi della cioccolata calda 297 anni fa da uno sciamano messicano che preannunciava l arrivo della Minetti nel consiglio regionale della Lombardia.

      eh... dai... Paolo... mi cadi sul Giacobbo...

      Elimina
    2. Ora so come si sentì
      l'Incompreso (alludo al film:-)

      Elimina
  5. Che il cuore comunica in vari modi ... a dirittura anche attraverso onde magnetiche, con il proprio corpo e con i cuori di altre persone ... e non solo:-) anche con l'Universo.

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo Denzel!
    Con i mezzi di trasporto sono un'animista cronica, minimo minimo avrei pianto un pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cincia, non l ho ancora fatto forse perché è ancora qui in garage, non so quando però lo consegnerò :-(

      Elimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...