martedì 19 giugno 2012

Assicurazioni poco Rassicuranti

C è da dire che, si sa. 
Se la fortuna è cieca, la sfiga ci vede benissimo. Ormai è un dato di fatto. 
C é da dire anche che le sfighe nella vita sono ben altre, ma è chiaro pure il fatto che un susseguirsi di piccole e medie sfigarelle sommate insieme, crea una vorticosi di sentimentimenti bilaterale e asimmetrica mica da ridere.
Così, dopo aver perso tempo e guadagnato veleno per contrastare una cartella dell Agenzia delle Entrate, e la grande soddisfazione per averla spuntata, ora il Golia che io, piccola Davide della Valpadana mi trovo a fronteggiare è la mia assicurazione. Quella che dovrebbe tutelare me e la Puffa per capirci. Almeno sulla carta e "par la zente che vede" si dice da queste parti. 

In sintesi: venerdì pomeriggio, puffavo con la Puffa in tangenziale direzione ufficio. In un tratto di tangenziale a tre corsie, un camion con rimorchio che trasporta ghiaia mi supera e piglia in pieno un dislivello dell asfalto lasciando cadere uno tzunami di ghiaia che regala alla mia little car un effetto peeling di tutto rispetto.
Per inciso, ho ancora un sasso incastrato nella ghiera della presa d aria. E al momento lo lascio lì per ricordo che non si sa mai. 
Riprendo fiato e con le ginocchia che fanno Aldo Giovanni e Giacomo, ingrano la marcia e cerco di andarmelo a ripigliare, ma riesco a leggere solo la targa del rimorchio prima che quel pirla se ne esca tranquillo e ignaro all uscita n. 21.
Il parabrezza e il blu di Puffa del muso sono a pois. 
E già fa improvvisamente caldo. 
E già i miei ormoni sono in circolo e pronti a fare bisboccia... insomma... sono di un incazzato tendente al sadico che Zeus solo sa. 
Ma la parte divertente ha ancora da giungere. 
Il mio consulente informatico, nonché consolatore della mia anima afflitta, nonché seconda pelle, nonché adorabile rompipalle quando serve, insomma, l'Altra S. non mi consiglia, mi impone di chiamare la mia assicurazione e denunciare l accaduto. Ma è venerdì pomeriggio e gli assicuratori non lavorano. Porelli.
Chiamo la Stradale: ha da denunciare la cosa all Assicurazione, dicono pure loro. 
E via di fax. 
Ieri mattina chiamo i Rassicuranti e la Sciura M. mi dice "guardi... deve prendersi un oretta, e andare al PRA, perché se ha la targa le dicono a chi è intestato il mezzo... e poi noi si può provare a fare qualcosa..., sa, noi non abbiamo nessuno che possa lasciare l ufficio e andare al PRA..."
Vorrei far notare che la mia assicurazione si trova in via dei sciroccati n. 3 e il PRA in via degli sciroccati n. 18. Ma va bene, andiamo... prendiamo permesso e andiamo al PRA e recuperiamo i dati del pirla. Ohmmmmm...
Richiamo la Sciura M. per dirle che ho il documento in mano e che sto inoltrandoglielo mezzo fax... e lei risponde: 
“sì ben dai… e comunque io l avviso… noi possiamo fare solo una richiesta di risarcimento danni… non è nulla scontato che poi si ottenga. E comunque la polizia avrebbe dovuto… beh ma non s è nemmeno fermato in effetti… oh boh… insomma vedremo… la lascio che c ho due persone e sto dettando… ” (???)

Ora, io non sono stata risarcita nemmeno dal fondo Vittime della Strada nonostante una denuncia per lesioni colpose e omissione di soccorso, in quanto chi mi ha causato l incidente e poi mi ha lasciata in mezzo alla strada senza nemmeno preoccuparsi fossi viva,  erano due ciclisti e quindi mezzi non targati e non assicurati. E il FVdS risponde solo per mezzi che pagano l assicurazione (eh se no, signora mia... qui se no noi si va in perdita... eccerto perché non c ho pensato, io invece c ho tutto di guadagnato invece...). 
Non sono poi così fiduciosa del fatto che questa volta vada meglio. Certo che se chi ben comincia è a metà dell opera... sto in una botte di ferro proprio...  


9 commenti:

  1. NOOOOO povera Puffa! E povera te. Io però credo fermamente, non perchè ne abbia esperienza diretta, ma per pura solidarietà, che ti risarciranno. Però insomma, che sia dovuta andare tu al PRA... Non dovrebbe farlo l'assicurazione?? Anzi, pensavo che il pra non desse nemmeno dati del genere ad un privato (ebbene sì, una volta io e la mia amica da piccine volevamo sapere l'indirizzo di uno che ci ispirava di cui conoscevamo la targa, e il pra ci fece uno sberleffo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda... non dico che ci credo però mi piace l idea di sperarci. anche perché a puffa ha una serie di adesivi fatti da una mia amica che si sono rovinati. quello che mi lascia perplessa è lo spirito dell assicuratore. ho scritto a mio fratello: qualora andasse male sopravvivo come sopravviverà la puffa con le sue cicatrici come me, ma io sarò decisamente meno idealista.
      mio Fratello (il Filosofo) mi ha risposto "io non lo sono più dal '77".

      al PRA m hanno chiesto perché volevo saperlo e PAGANDO (la bellezza di 2 euro e 90 cent) mi hanno detto anche il numero di scarpe del proprietario della ditta P. magari eravate troppo "piccine". :) ma poi com è andata a finire???

      Elimina
  2. ma non c'è la privacy? mah...
    cmq, in agenzia, ho il forte sospetto, che li scelgano proprio in base al qi: più è basso epiù è adatto a quegli uffici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un sospetto quasi certezza carissima mia... ah che amarezza.

      Elimina
  3. povera cucciola, quante cose ti succedono che io non conosco. sono imperdonabile. un bacio grande grande. salutami la puffa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla, come ti ho detto in separata sede c è proprio nulla di cui tu di debba preoccupare.
      ti abbraccio stra forte.

      Elimina
  4. Capisco l'incazzatura ma sinceramente non vedo come prendersela con l'assicurazione: se il danno è stato causato dal camion che ti precedeva e che evidentemente non si è accorto (o comunque probabilmente avrebbe fatto finta di non accorgersi) della caduta di parte del carico, tu puoi denunciarlo a patto che conosci esattamente i suoi estremi. Poi bisogna vedere se il camionista onestamente ammette che potrebbe aver perso della ghiaia perchè senza prove (che il carico era suo) e senza testimoni la faccenda non è così scontata. Purtroppo questi casi sono sempre molto difficili da gestire.
    Altrimenti ti fai un'assicurazione kasko (che però costa un botto) ed a quel punto la tua assicurazione ti paga tutti i danni che fai anche se ti grattuggi da sola la fiancata contro un muro...

    Comunque in bocca al lupo che riesci a farti risarcire!

    RispondiElimina
  5. Forse perché come ho scritto "Chiamo la Stradale: ha da denunciare la cosa all Assicurazione, dicono pure loro."
    quindi
    la procudura in questi casi è CHIAMARE L ASSICURAZIONE.
    la Polizia Stradale dice di non fare denunce presso di loro bensì presso la propria Assicurazione.
    ergo: non me la prendo con l assicurazione come istituzione. me la prendo con chi ha tanta voglia di lavorare "salteme indosso spetta che me sposto" si dice da queste parti. che se non hai passione del tuo lavoro o non ti piace lavorare a contatto con il pubblico, ci sono sempre piantagioni di pomodori che rivorrebbero braccia rubate all agricoltura.

    RispondiElimina
  6. 1° meno male che non ti sei fatta niente!

    2° meno male che anche l'auto non ha subito danni gravi!

    3° non darti per vinta e rompi le balle a tutti quelli a cui devi romperle per ottenere il tuo giusto risarcimento (che almeno ti rimettano a posto la carrozzeria)!
    N.B. hai fatto le foto, vero? perché se aspetti che vengano loro a fartele, fa in tempo a grandinare e poi sono capaci di dirti che hai preso la grandine ...

    RispondiElimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...