domenica 10 giugno 2012

Andamento Lento

Solitamente apro gli occhi e faccio mente locale su ciò che devo fare durante la giornata. Come sarà in ufficio, se sarò sola o se ci sarà qualcuno perché questo è uno di quei particolari che ti cambia l economia della giornata. E poi nell ultimo periodo ho giocato a tetris tra gli impegni di dentista, visita di controllo all inail per verificare se la gamba è ancora aromatizzata al titanio oppure no (hai visto mai che nel giro di un anno le placche e i chiodi si siano sciolti da soli miracolosamente).
Stamattina invece detto io il ritmo. Apro gli occhi con la voce della mia "sveglia" il suo buongiorno con la seconda o un po' più lunga e la mia ancora troppo impastata per rispondere qualcosa di più o meno cosciente. 
E poi mentre mi preparo il caffè penso a quello che dovrei fare, tipo elenco mentale. Una volta compilato il tutto decido che posso farne anche a meno. 
Oggi è il tempo a decidere il suo ritmo. Come il sole che non ha ancora capito se splendere o starsene nascosto e per i fatti suoi sotto una coperta di nuvole. Lascio che il tempo scorra con il suo disordine lento e quasi inconcludente. Riempio il lavello per lavare i piatti e intanto chiacchiero con Valentina da terrazzo a finestra. Saluto le piante, in particolare Mafalda che ha deciso di accogliere una pianta di pomodori nel suo stesso vaso e mi chiedo da dove l abbia raccattato, ma Mafalda (pianta a cespuglio verde intenso) non è così territoriale e dice che il pomodoro le fa compagnia e insieme stanno bene, c è posto per entrambe. La passiflora ha fatto qualche foglia gialla ma forse è colpa mia, ho scazzato con l acqua mi perdonerà! Intanto l aiuto a stiracchiarsi sul bastoncino al quale pare essersi affezionata molto. Bengiamino è cresciuto molto rispetto all'anno scorso e Leandro (l oleandro) pare si stia riprendendo dopo l attacco di pidocchi e ci sono cespuglietti di foglie che fanno capolino qui e lì. 
Taglio a metà un limone che arriva da un altra pianta coccolata che abita molto più a ovest di qui. Ha il profumo e l intensità di chi la coltiva. E come il suo giardiniere ha tanto di quel succo e polpa gialla da offrire che quasi ti manca il coraggio di mangiarlo. Ma i frutti nascono per beneficiarne, e sarebbe un delitto sprecare tanto ben di Dio. E' un limone che rende più dolci. 
Melli fa la preziosa e reclama il servizio in camera. Non so per quale motivo non abbia tutta questa voglia di uscire da sotto al letto, allora la ciotolina per pranzo finisce sotto il letto. Mi fa pensare a quando mai madre apparecchiava per me e mio fratello davanti alla tv quando facevano il cartone animato di Asterix. Era l unica volta che si faceva deroga al mangiare tutti insieme in cucina senza tv. 
E mi sembrava festa grande. 
E allora festa grande sia anche per la mia Pelosa che se lo merita di essere viziata un po'. 
Mentre M & D viziano me, con una telefonata interminabile in cui M dice di sentirsi un po' nonna, mentre mi racconta di zen e arte della seduzione, e invece risplende di una luce che posso vederla fino a qui nonostante i 550 km che ci separano. E quando riaggancio mi sento così bene che nemmeno una giornata in beauty farm. E finalmente lavo i piatti, considero l idea di pranzare che poi devo farmi la tinta, ma ho voglia anche di guardare quel film che ho visto solo 300 volte e arrivare a 301 non è male, tanto ho un pomeriggio a disposizione, non c è fretta. Oggi ho abolito il verbo devo, ho rispolverato il "mi va di fare..." e lascio all estro del momento il decidere che cosa. 
Ma con calma. 
Con molta calma. 

18 commenti:

  1. E' piacevole leggerti: mi hai dato tanta tranquillità...

    P.s. Qual'è il film che hai visti così tante volte?

    HeavenonEarth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in cima alla classifica del più visto c è Harry ti presento Sally. è drammatico guardarlo con me seduta accanto perché rubo le battute agli attori.

      domenica però ho guardato anche un film sconosciuto ai più: l'amore ha due facce con barbra streisand. grandioso.
      da vedersi per semplicità e profondità insieme. è poi è figo vedere un film in cui ancora il cellulare non veniva usato! ;)

      Elimina
  2. Dì la verità: a te, gli apostrofi, t'hanno fatto qualcosa di male, vero?
    Ti hanno addentato un dito quando eri piccola?
    Và che te ne lascio una manciata..
    '''''''''''''''''''''''''''''''''

    Quanto la vorrei anch'io, comunque, un pò di calma, ogni tanto.
    A a me però non lasciavano mica guardare i cartoni di Asterix alla TV. (Sarà forse stato perchè quando ero piccolo io, i Galli, c'erano ancora?)

    RispondiElimina
  3. Ma non erano le virgole che mancavano?
    ok, mi tengo gli apostrofi e li conservo gelosamente! :)

    comunque sai che penso?
    che la calma uno ha da ritagliarsela un po', anche a costo di imparare a dire di NO a certe cose. il tempo da dedicare a sé stessi è prezioso e spesso non toglie nulla alle persone che abbiamo accanto ma ci permettono di farci stare meglio e aumentare poi la qualità di quello che riusciamo a dare.

    ps.
    i Galli esistono da ben prima di te!
    è la televisione che a suo tempo non era stata ancora inventata :P

    RispondiElimina
  4. I Galli, al tempo mio, li chiamavamo ancora Pulcini... e t'ho detto tutto!!! Televisione? Vuoi dire la scatola delle immagini che ti ruba l'anima?

    RispondiElimina
  5. Ruba l anima...
    rubare l anima è quasi nobile e dà un senso comunque di poesia. come immagine mi fa pensare a Cyrano.
    no... non credo...

    è piuttosto quella scatola che ti rincoglionisce.
    ecco.
    mi pare più azzeccato.

    RispondiElimina
  6. ma allora funziona!!!!

    http://www.flickr.com/photos/generatorrr/4375088757/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Bruno...
      cosa devo rispondere io a te mo? :)

      Elimina
  7. Solo per un salutino...

    heavenonearth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Heaven, ho provato a commentarti 6 volte oggi e il sistema di verifica non me lo permette rinnovandosi ogni volta.
      :( c ho rinunciato.

      Elimina
  8. In questo periodo ho messo i vostri commenti in stand bay, cioè li posso approvare dopo averli letti: tutta colpa della Silver Silvan che va troppo oltre con i suoi commenti.

    heavenonearth

    P.s. Il tuo commento c'è...

    Bacio

    RispondiElimina
  9. Guarda che andare lenti fa bene, è rilassante e terapeutico.
    Non sai quante volte mi sono concessa giornate di questo tipo.

    Ti ho appena inviato una mail.
    Ti abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  10. Silver Silvan17/06/12, 05:13

    Ebbene sì, sono oltranzista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene! contenta tu, paciosi tutti!

      Elimina
  11. Festina lente, stampava Manuzio! Ma non così lente!

    Thunderblue

    RispondiElimina
  12. Carta, penna e calamaio. Suvvia.

    Thunderblue

    RispondiElimina

conto alla rovescia

La sento... la modalità "vacanza imminente" nell'aria. Me ne sono accorta quando, domenica, mettendo i miei jeans preferiti...