giovedì 17 maggio 2012

Detto tra noi...

Siamo figli delle stelle e pronipoti di sua maestà il denaro, cantava il buon Franco.
E cugine di secondo grado di Brooke, dico io. 
Perché noi trentenni fatte e finite, una puntata di Beautiful l abbiamo vista. Impossibile perderla, è iniziato nella fascia oraria prima di Saranno Famosi, e noi si tornava da scuola e dopo pranzo prima delle sudate carte eravamo lì, indecise se sbavare su Leroy o sul timido Bruno. E Brooke appariva poco prima, ancora bionda, ancora nella vallata a fare gli occhi da gatta morta a un Rigde con la mascella non ancora brizzolata. E così sono passate le primavere, pure gli autunni e gli anni. Il diploma è perso in qualche scaffale pulcioso dell università iniziata e non finita, i sogni nel cassetto sono sepolti dalle ricevute delle bollette pagate e da pagare e la cellulite continua ad essere il nemico da distruggere. Però Brooke e Ridge sono ancora lì, ancora insieme, nonostante gli ostacoli gli anni che passano Taylor che muore e risorge per mano di Kabir Bedi, nulla può contro il loro amore. Si saranno mollati e ripresi e divorziati e sposati minimo una decina di volte. Sono l archetipo dell'happy end. 
Come quello che ci fa sospirare/incazzare/commuovere e sognare dei film come C è Posta Per Te, Harry ti presento Sally, French Kiss, o Love Actually. Ok, sono d accordo non sono poi film così intellettualmente stimolanti, ma non stiamo a fare gli sboroni snob voglio dire... 
Il concetto è un altro. 
Si cresce con le favole del Principe azzurro. E già secondo me sta cosa è deviante, a prescindere dal fatto che sfido chiunque a trovare sexy un tizio che gira con la calzamaglia azzurra fuori dal palco de la Scala, le maniche a sbuffo e un swiffer in testa. E poi si passa alle favole della tv, che sono le "peggiori" perché a prescindere che per essere spettinate come la Meg qui sopra, ci vogliono minimo 40 minuti di parrucchiera, per il resto sono così subdoli da riuscire a farti immedesimare nel personaggio e pensare che sì, quando meno te l aspetti potrebbe capitare pure a te di incontrare il Tom Hanks di turno. 
E alle volte capita che lo trovi.
Ed è un uomo buono, e gentile e dolce e intelligente, che non sbaglia un congiuntivo a pagarlo. E' di quelli attenti, e premuorosi, con un sorriso che quando appare cambia colore all universo, capace di farti ridere pure mentre stai piangendo e se stai piangendo era proprio perché era umanamente impossibile impedirtelo. E' di quelli capaci di leggere i tuoi pensieri e capire come stai dal solo modo di dire Ciao, capace di arrivare con i cartoni della pizza in mano a casa e sorridendo ti dice "ho pensato che fossi stanca e non avessi voglia di cucinare, così..." e tu che eri lì che stendevi la biancheria con una mano caricavi la lavatrice con l altra e una rogna dell ufficio ancora appiccicata ai capelli lo guardi come se fosse una visione mistica. 
E ogni film d amore che si rispetti ha il momento di crisi, la spaccatura. Il distacco. Quel momento presente in ogni romanzo di formazione, perché uno dei protagonisti ha da maturare capire qualcosa della vita e lo capisce solo attraverso il passaggio per la sofferenza (e su questa cosa si potrebbe aprire una diatriba infinta sul concetto cattolico del soffro ora per il paradiso domani). 
Ciò non toglie che alla fine, persino Holly ritrova Gatto sotto la pioggia e John Peppard la bacia sotto il diluvio universale. Kevin Kline fa fermare l aereo su cui viaggi Meg per dirle di restare con lui. 
Persino Brooke che l ha data via come il mais in piazza San Marco, (cit. Litti), sbatte gli occhioni e Ridge torna da lei. 
E il sig. Joe Fox, per amore di Kathleen Kelly si mette in gioco e cambia vita, perché lei è la cosa più bella che potesse capitargli. 
E tu sei lì in divano con la copertina di pile pure se è agosto e i fazzolettini di carta sparsi ovunque e la faccia da triglia, e ti dimentichi pure che il buon Mark ha messo i calzetti bianchi sotto i pantaloni neri. Tanto alla fine Bridget se lo piglia lo stesso. 
Ecco, sarà l ormone ballerino, sarà che sono inguaribilmente romantica e adoro chi non scazza un congiuntivo nemmeno sotto tortura, ma io ci credo nell'happy end. Perché le cose davvero belle, quelle vere e sincere e limpide in cui vale la pena di credere, che ti fanno stare bene, ma bene davvero, meritano di essere vissute e difese. 
E se verrò smentita... giuro che stavolta la tessera della videoteca finisce nel tritacarta.

34 commenti:

  1. BELLISSIMO!!!!!!!!! CHE DIRE?? AH, Sì, UNA COSA SOLA: PER ESSERE SPETTINATE COME LA MEG NON C'E' BISOGNO DI PARRUCCHIERE...A ME BASTA STARE DAVANTI AL PC, A TRITARMI LE BALOTAS CON I MENABO' DELLA RIVISTA E CON LE CAZZATE CHE SCRIVE LA MIA COLLABORATRICE E CHE DEVO PUNTUALMENTE CORREGGERE...OK, ALLA FINE PIU' CHE A MEG SOMIGLIO A MAFALDA...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti garantisco che il parrucchiere serve eccome. il capello biondo fotte, mia cara. lei ha sti capelli d angelo sottilissimi io ho degli spaghi di canapa. l effetto non è lo stesso te lo garantisco.. (ah... visto? tipico commento da "donna moderna")
      ciao tesora, un abbraccione.

      Elimina
  2. Silver Silvan17/05/12, 15:16

    Per avere i capelli come la Meg basta asciugarli a testa in giù, stordita. In quegli ipotetici quaranta minuti preferisco fare altro. Incluso leggere le scemenze che scrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vita proprio piena la tua eh...

      Elimina
    2. Silver Silvan21/05/12, 15:30

      É vuotissima! Sotto vuoto spinto. Sono conservatrice.

      Elimina
    3. questo spiega molte cose...

      Elimina
  3. esistono ancora videoteche?!?!? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vicino a casa mia sì! dvd a manetta ad un prezzo umano :)
      e ogni volta che ci infilo la tessera al distributore viene il diabete... ;)

      Elimina
    2. stanno scomparendo anche quelle.
      ...comunque l'unico happy end possibile per i Forrester, che molti aspettano da ormai 20 e passa anni, è una bella bomba nucleare nella loro bella tenuta tra piscine e ulivi secolari....;-)

      Elimina
    3. purché gli ulivi si salvino sono perfettamente d accordo.
      ;)

      Elimina
    4. il mio spirito ecologista è prepotente! :) bello vederti qui Bruno! mi mancavi!!!

      Elimina
  4. La cosa preoccupante - o confortante, dipende - è che avrò colto sì e no il 15 % dei riferimenti cine-televisivi. Ohibò.

    Thunder

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché tu fai lo sborone snob che guarda solo film intellettualmente stimolanti.
      però dai... non dirmi che ti scappò pure Colazione da Tiffany...

      Elimina
  5. "film intellettualmente stimolanti". Li ho sentiti definire in molti modi, parecchi anche lusinghieri, ma per Bud Spencer, Terence Hill e Tomas Milian ancora mi mancava questa definizione. E no, per me George Peppard continua ad essere soltanto John Hannibal Smith

    Thunder

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomas Milian è cult.
      molto cult.
      ah l A-Team... "adoro i piani ben riusciti" ne ho visto una puntata la domenica di pasqua lì da te, in attesa ti decidessi a prelevarmi per l ambita colazione.

      Elimina
  6. Let's do that again!

    Thunder

    RispondiElimina
  7. Cara Sys,
    ti perdo un attimo di vista e quando ti ritrovo hai cambiato foto, vestito (al blog), commentatori (ma che vuole Silver Silvan? vi rivolgete a costui come se fosse una donna, a me pare tanto un ragazzino cretino che vorrebbe fare il provocatore e non ci riesce, poveretto! cresci, caro Silver Silvan, e, poi, forse, ritorna quando avrai i peli alle gambe e al petto! nel frattempo, pussa via!).
    Il romanticismo è una caratteristica prettamente femminile di chi è donna fuori e dentro.
    I film rosa (chissenefrega se non sono intellettualmente stimolanti o impegnati) sono la molla per andare avanti quando i "cari" uomini che ci sono in giro ci deludono o quando decidiamo di restare sole, piuttosto di stare con qualcuno che non ci merita affatto.
    L'happy ending è un must al quale sia l'uomo che la donna auspicano in ogni relazione, per cui benvenga!
    Un abbraccio, cara Sys.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Occhi blu... hai visto? donna volubile sono.
      ma solo per i template dei blog a essere sincera.
      comunque ci rivolgiamo al nick di silver plate come se fosse una donna perché pare che al genere femminile appartenga. che abbia peli o meno sulle gambe mi sfugge, ma non vorrei indagare, già a scambiato il post in cui riponevo i costumi da bagno per andare in ospedale come un derivato di Donna Moderna (deve aver evidenti problemi di comprensione con la sintassi elaborata) a parlarle di ceretta chissà che pensa.

      ad ogni modo, a me sti film piacciono e fanno venire il nervoso allo stesso tempo... e in ogni caso non è sempre colpa degli uomini. alle volte siamo noi di aspettative troppo alte in ogni caso non c hanno fatto sante manco noi...

      ma ben tornata! era ora!!! l ora che appare giusta tra l altro. fatto mica niente io...

      Elimina
  8. uè, Sys, hai notato che non ti scrivo più da Los Angeles? (guarda l'ora ...)

    RispondiElimina
  9. Basta con il "Soffro ora per il paradiso domani"!
    Vogliamo happy endings tutti i giorni. Anzi, happy beginnings.
    Beautiful però non lo guardavo ma Saranno Famosi sì. Forse tornavo da scuola tardi.

    RispondiElimina
  10. Silver Silvan21/05/12, 15:37

    A titolo informativo, mi sono depilata ieri. Inoltre mi sono fatta uno splendido scrub con i sali da bagno del Mar Morto. Più lo scrub al viso. E ho passato la pietra pomice su gomiti e talloni. Infine, mi sono abbondantemente cosparsa di una morbida crema profumata ed idratante. Insomma, ho la pelle liscia come il culo di un neonato. Tié.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRAVISSIMA!
      lavoro ottimale dire.
      la pelle è liscisssima.
      per il carattere di carta vetrata si può fare qualcosa?

      Elimina
    2. Silver Silvan22/05/12, 15:24

      Certo. Sgranocchierei volentieri un pasticcino. Preferibilmente con la mandorla.

      Elimina
    3. guarda, servisse a renderti meno egoriferita, narcisista e acida, credo che te ne farei recapitare almeno un chilo.

      Elimina
  11. Silver Silvan23/05/12, 15:16

    Pensa, conosco uno molto peggio di me. Se vuoi te lo presento. Tradisce anche le fidanzate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dove sta la novità?
      io conosco chi ha tradito la sua convivente dopo 6 anni di convinenza perché non aveva la taglia 40!
      però sai, se questa fidanzata tradita è una tua amica, dille che per quanto possa fare male (e ne fa tanto) si sopravvive.
      all inizio male poi via via va sempre meglio e ci si accorge di tante cose.
      ad esempio la convivente tradita (io nella fattispecie) può dirti (come si dice a napoli) che ho scansato un fosso!!!
      ci vuole tempo e pazienza. come in tutte le cose...
      (detto tra noi i primi mesi però gli avrei disintegrato l auto con la mazza da baseball...)

      Elimina
  12. Silver Silvan24/05/12, 14:10

    Io che c'entro? Mica ha tradito me. Tradisce altre. Uno simile é meglio perderlo che trovarlo. Se poi c'é chi gli da credito, peggio per lei.

    RispondiElimina
  13. Silver Silvan24/05/12, 14:13

    Io non sono mai stata tradita in vita mia. Modestamente, me lo merito. Poi quello che succede su Internet é acqua fresca e gli inganni sono innumerevoli. Ma il virtuale é virtuale, non a caso. Non é mica reale. Quindi...

    RispondiElimina
  14. alle volte il virtuale è più reale del reale... (minchia che giro di parole alle 9 del mattino...)
    ad ogni modo
    come diceva il buon vecchio Jess (amico di Harry) il tredimento non è mai causa della fine di un rapporto è sintomo che quel rapporto non funziona.

    (ed Harry risponde: beh, quel sintomo si scopa mia moglie)

    RispondiElimina
  15. Silver Silvan26/05/12, 06:16

    É perfettamente vero. Il tradimento non é causa della fine di un rapporto. Lo definirei teoria che viene messa in pratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cacchio... questa interpretazione mi garba.

      Elimina
  16. Ahhhhh, come ti capisco!!
    :) Speriamo che la tessera resti intatta!! :D

    RispondiElimina
  17. In realtà no...
    mi sa che devo ficcarla nel tritacarta...
    che ci vuoi fare.
    c est la vie! ;)

    RispondiElimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...