venerdì 20 aprile 2012

così per dire...

La serenità è racchiusa nelle piccole cose. 
almeno per me. 
Come quando chiudiamo la telefonata dopo che ti ho riaccompagnato a casa. 
Sorrido al display che resta illuminato ancora qualche minuto e ripenso a quello che ci siamo raccontati, alla cena da preparare, al fatto che domani mattina sarai la prima voce a dirmi buongiorno. Al tuo tono, alla tua risata che sorge spontanea come acqua cristallina. Ai pensieri tuoi che mi regali e che diventano un tesoro e mi tengo stretto. 
Privilegio puro averli tra le mani.
Nella tazza di mocaccino in cui ho pucciato la barretta della vitasnella, ma ho la scusante di dover prendermi qualcosa per questa tosse che mi fa la voce di Amanda Lear. 
Essere riuscita a fare un conteggio corretto sui morsetti quelli a tre poli, considerato che la serigrafia costa 0,0044 per polo ma poi non finisce così che la si sposta in base 100, ma allora l ho controllato anche con P. in azienda e ci siamo arrivate! è giusto!!! noi che con la matematica abbiamo un rapporto conflittuale, e sono soddisfazioni. 
Questa settimana ho dovuto cavarmela da sola, che i miei Uomini erano all estero e ci si parlava solo via sms. Ed è stato bello. Perché ho potuto prendermi la responsabilità di prendere l iniziativa, e di tirare fuori la competenza. Quella che resta sempre dietro al controllo della supervisione. Esame superato, non sono poi così malaccio come penso.
Se solo la smettesse di piovere, che così magari stasera ci si mangia la pizza in compagnia, e poi domenica Grado, con il suo mare e il suo pesce! Bello sarebbe farci una passeggiata guardando le onde... ma non puoi litigare con il meteo che fa un po' quello che vuole, almeno lui. Forse questo grande dissapore nasce proprio dal fatto che non lo possiamo controllare. 
E meno male vorrei aggiungere. 
E allora sarà quel che sarà. 
Serentà sta anche nel prendere certe cose così come vengono, almeno quelle per cui è possibile farlo. 
E porterò il Nokkio al centro assistenza e chiederò che ne sarà di lui, delle parole che ha visto passare e delle foto e della mia fronte contro il finestrino di una corriera mentre lo tenevo in mano e trillava a ripetizione con tutti i messaggi che arrivavano a mitraglia, che a fisio non prendeva mai. 
Insomma, ci saranno un paio di giorni, carichi di quell aspettativa serena di un fiato tranquillo. E magari un nuovo negozio di scarpe dove portare mia madre che già penso a che faccia farà quando prenderò la strada più lunga, ma è bello cambiare strada, cambiare l abitudine provare. Che poi magari si sbaglia, ma come dice il buon vecchio Lucio "ma uno sbaglio poi cos'é?"


6 commenti:

  1. Goditi la tua bella serenità, saggiamente raggiunta, senza pensare agli sbagli passati o futuri.
    Salutami il mare!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara...
      sai, mi piace pensare che non sia qualcosa di "raggiunto" ma di ... non so... preso? trovato? oggi.
      magari domani sarò nevrotica (come spesso sono) ma so che posso ritrovarla ripensando o rifacendo certi gesti, ecco.
      mah...
      sarà una shampoo mentale? ;)

      Elimina
  2. secondo me, cara Sys, se puoi ritrovarla significa che l'hai raggiunta, altrimenti non la troveresti mai, neppure una volta;
    comunque sia, goditela tutta oggi, adesso, ora, e fregatene di domani!
    un sereno pomeriggio a te ed un'ancora più serena serata, magari in compagnia di chi ti regala i suoi pensieri che tieni stretti come un tesoro ...
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stasera lo "tradisco" con la Socia e la pizzaaaaa!!! :D
      zi zi zi :D

      Elimina
  3. Allora ci vai a Grado!
    Vedrai che carina.
    Auguri di tanta tanta serenità, nelle piccole cose ma anche nelle grandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho fatto un giro di ricognizione ieri.
      bora
      freddo
      pioggia battente ee...

      EEEETTTCCIIUUUUUUU.... ecc... ccof coof..
      ecco..
      per dire... :(

      comunque... mi sa che ribalto i programmi... :) vediamo...

      Elimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...