giovedì 9 febbraio 2012

Caos & Disordine

No vabbè... c è da farmarsi un attimo se no capisco più niente. Sarà che tra le altre cose nell ufficio qui al lato stanno abbattendo le pareti di carton gesso da stamattina. E quindi il bumbumbum ti rintrona fin nel sentimento. 
E' più di una settimana che faccio orario continuato ed extra, causa cambio listini prezzi netti e via dicendo. Mi sono fermata per un caffè e per arrivare qui, aprire le finestre e far passare un po' di gelo (maremmalazzarona siamo sottozero pure oggi) che già le carte urlano, il fax sputa e il telefono c  ha la cornetta posseduta. E sì che dovrei fare orario ridotto, che m avanza giusto un mese di ferie che devo fare obbligatoriamente... ok, si comincerà dalla settimana prossima che qui, zoba entrà settimana ndà... e zeus lo voglia. 
Comunque, così per scrivere, ho cambiato strada. Non faccio più la tangenziale per venire al lavoro, bensì la strada normale e il pieno mi dura giusto quei 4 gg in più. Insomma, ogni calcio in te le ciappette porta avanti. Tra l altro, passare dentro ai quartieri e non su uno stradone schivando auto che si credono il Millennium Falcon, ti permette di buttare l occhio alle vetrine quando sei ferma al semaforo e tamburelli il volante con aria svogliata. Le vetrine si stanno popolando di cuoricioni di ogni razza e misura, pelosi, non pelosi, cioccolatosi o sberluccicanti, e a me fanno simpatia. Ci sta che San Valentino è una festa commerciale, consumistica, obsoleta e via discorrendo, ma io dico "chissenefrega!" A me fanno tenerezza e mi piace vedere tutto questo prolificare di mellenserie.
E poi ci sono coriandoli, e stelle filanti e le frittelle! C è ancora il piacere di fermarsi davanti alle strisce e lasciar passare qualcuno che alle volte pure ringrazia. Insomma, c è ancora vita da guardare prima di entrare nella Tana del Tasso, che in questi giorni arranca ai 18 gradi diurni e si stabilizza sui 15 notturni. Ecco il segreto della mia giovinezza! Dormire in un igloo. Domenica mattina dal freddo la Melli aveva i polaretti appesi ai baffi. 
Io no, ma solo perché m ero fatta la ceretta la sera prima guardando la puntata doppia di Castle. 
Ah, se alle volte certi pensieri potessero essere estirpati come un pelo superfluo: strappo secco e via. Dici Ahio! così sul momento ma poi passa tutto e al limite resto solo un po' arrossata. 
Però ho scoperto che una buona tecnica è quella di ribaltare le cose, no, non la cera calda... ho già ribaltato sul piano di lavoro il burro fuso dell impasto della torta (domenica mattina) e non è stato per nulla divertente, dicevo, cercare di ribaltare l abitudine ad una reazione. Tipo, questa cosa mi dà fastidio, e mi capita spesso e tutte le volte io reagisco nello stesso modo. E se cambiassi reazione? Forse innesco un meccanismo diverso nell azione? o no? mah, non lo so...  Però quando ieri Laura mi ha detto "stasera si esce", crollavo di sonno già alle 8 del mattino e l istinto è stato quello del "no grazie" e invece ho detto Sì! E mi sono costretta ad uscire dall ufficio alle sei al fine di rendermi umanamente presentabile e sono stata sorpresa da una telefonata che non aspettavo più. E pensare che non l aspettavo così tanto che avevo dimenticato il telefono nella Puffa, e sono tornata indietro a prenderlo apposta più per scrupolo che per altro... ed eccolo lì che squilla tre secondi dopo. Coincidenza? 
Io mica ci credo alle coincidenze...Telepatia? Empatia? Mah... mica lo so... so quello che mi piacerebbe fosse ecco, sì direi... 
ciò che so per certo è che mi piace da matti essere svegliata la mattina da una bella voce che mi interrompe un incubo che mi faceva un po' mancare il fiato. Ed alzarmi con calma mentre mi si fa compagnia con della buona musica e trovare il tempo di sistemare i ricci mentre Alicia mi fa trovare il caffè già fatto. Momenti così mi fanno lo stesso effetto dei cuoricioni cioccolatosi di San Valentino...


On Air: Tu mi porti su - Giorgia  (non so voi io questa canzone e questo ritmo me la immagino ogni volta ballata da un gruppo di paperotte scodinzolanti, sorridenti e un po' rap... lo so... ignoratemi pure....)

10 commenti:

  1. Voglio anch'io la ceretta del pensiero!
    O almeno il ribaltone come fai tu, che in questo periodo son già un po' instabile io e a farmi ribaltare non ci vuole niente.
    Ma le chiacchiere, bugie, insomma quei dolcini di carnevale buoni buoni dove li mettiamo?

    RispondiElimina
  2. I generalmente sui fianchi :( c ho il deposito. un po' come i cammelli che si tengono la scorta d acqua sulla schiena io le puttanizie le accumulo lì per i tempi di magra... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, uffa...Bè se vengono tempi magri almeno ho una vera e propria ruota di scorta... :-D

      Elimina
  3. Bello questo scorcio di "vita vissuta", con tanto di cuoricioni sanvalentineschi, millenium falcon tangenzialoidi, baffi estirpati guardando il castello e rotoli tenuti in vita da manicaretti al doppio burro fuso.
    Bello...
    P.S.: io te lo dissi di non bere al mattino presto, che poi ti fa quest'effetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il dramma Aquila, è che io sono così senza bere... se bevo è peggio.
      molto peggio

      Elimina
  4. E come sempre le parole chiavi sono "impasto della torta"

    Thunder

    RispondiElimina
  5. Oh Mr Thunder... era ora che tornasse a palesarsi... stavo pensando giusto che ho una fame...

    RispondiElimina
  6. e pure io. Urge che tu provveda.

    Thunder

    RispondiElimina

Ma come ottobre?

Ma...? ma come ottobre? di già? e l'ultimo mese dov'è finito? e poi, già che ci siete, datemi le coordinate dell'ultimo an...