venerdì 23 dicembre 2011

Pura Vita

Quest anno ho ricevuto quattro regali. Non li posso mettere sotto l albero perché sono grandi già scartati, alcuni da tempo.
Il più importante di tutti, beh, ormai lo sapete, l'aver imparato a camminare di nuovo. E poterlo fare senza sembrare Dott. House. Ieri mi è stato detto che posso tornare in palestra, mi sono accorta che riesco a scendere le scale senza fare la scimmia appesa allo scorrimano, e a primavera, previo investimento su un paio di ginocchiere adatte, posso pure azzardare a tornare sui roller.
Stefano è stato non solo un fisio, ma un amico meraviglioso quest anno, per questo regalo ha fatto gli straordinari, non lo ringrazierò mai abbastanza.
Altro regalo luminoso: la consapevolezza di essere un filo più forte di quello che pensavo, di aver vinto una sfida tosta e all inizio non ci credevo neppure. Poi mi ci sono trovata in mezzo e se è vero che quando il gioco si fa duro... beh... ho giocato meglio di quanto avrei mai pensato.
Il consolidarsi di alcuni rapporti, all'interno della mia Famiglia e tra gli Amici.
C è una punta di amarezza per chi ha deciso di andarsene e forse avrà avuto anche i suoi buoni motivi, chi lo sa. Preferisco guardare avanti verso chi è arrivato senza mai pretendere tappeti rossi e corsie preferenziali, e semplicemente cammina con me. 
E il quarto regalo sono una manciata di stelle sberluccicanti blu cobalto che mi fanno sorridere e il solletico solo a pensarci. Fatte dalla sveglia di ogni mattina e la tangenziale la sera quando torno a casa. Una cascata di ricci, la casella di posta elettronica che si accende, il postino che arriva sempre in ritardo, è il mio mouse nuovo di zecca dello stesso colore della puffa. E' l orsetto sognatore che non ho più e quello dolce che ho ancora, è un orologio che fa tic tac sul comodino. Un libro di architettura disegnato a mano, è il mio ridere senza ritegno, sgranocchiare cereali come un criceto, una pista di pattinaggio e una pallina di natale di vetro. I compiti di inglese da fare che non c è voglia, i mal di testa da far passare, le scarpe da ginnastica con i buchi che non si buttano mai, le lacrime mentre parlo di mio Padre, una cartolina che non mi aspetto, le mie paturnie e la tanta pazienza di riflesso, la coccinella della Trudy, un libro di Faletti da prestare, sono le parole non dette le promesse non fatte, è il "tono" con cui si scrive, è l onestà e il rispetto, un rotolino di nastro adesivo e una briosche alle mele spedita in pacco celere, un elastico per capelli anche se fa freddo, due limoni e una stilografica blu, la maglietta bianca e un vestito nero da 12 euro. E' Luce (la canzone), e la voce di Gino Paoli, è una mansarda con le travi in legno, il rombo di una moto, la curva a sinistra che mi fa ancora paura ma solo per poco. E' un chiodo arrugginito, il tintinnare delle cime di una barca a vela in una notte di agosto, le Dolomiti all'alba (dalla stanza dell'ospedale), il primo messaggio dopo il risveglio dall'anestesia. E' la gelosia che si arrende davanti alla Sincerità, una gatta bianca, un cappotto mai messo, un treno perso, le scale da salire e scendere e salire di nuovo, il segno del costume, la crema di cioccolato fondente della muller, il foglio di excel che funziona, il biglietto dell'autostrada,, gli occhiali da vista nuovi e google earth, un pino, le belle di notte, il suono di una serratura di un portone di ferro, una pizzeria aperta anche alle 7 del mattino, quella cosa che non sai ancora di desiderare eppure è già pronta, il caffè che viene su e il microonde che bippa, la torta alle mele che non cuoce e la Venere delle Rocce, un consiglio accettato e seguito, un quadro visto su un blog e diventato un sogno da inseguire, l'asciugamano caldo dopo la doccia e il docciaschiuma al sandalo, il pacchettino da aprire solo la notte di Natale e non si sa come, il progetto di acquisto di un avvolgicavo da elettricista, il cellulare sempre scarico,, un 18 che c è sfuggito, un film in divano con la copertina e un grande Nicolas Cage, i pop corn e i ciucci che annullano l età, il simbolo di un auto  e un racconto per Natale...
e tutto quello che ancora non so se c è ma che, con un po' di fortuna, ci sarà...

E Buon Natale a tutti.
Sonia

23 commenti:

  1. stamattina pensavo al tono con cui si scrive, ci ho pensato tanto e adesso me lo trovo scritto da te. Io sento il tono attraverso le parole che leggo qui, lì, da me, nel web...sento le pause...la purezza, l'onestà, la trasparenza e anche il contrario. Tu sei onesta, ti auguro che quest'onestà ti porti tante e tante cose belle. Un abbraccio. ps: cosa abbinerai alla scarpa/trampolo glamour?!?! :))

    RispondiElimina
  2. Una persona a me cara ti risponderebbe "questione di Frequenze". quando si pensa sullo stesso filo d onda. anch io leggo con i toni, e percepisco (o per lo meno ci provo) il senso delle parole che leggo. Ecco perché dietro ad un blog ci vedo molto spesso la persona. Ecco perché mi piace farti entrare nel mio tempo ed entrare nel tuo.

    con il tacco 13??? un tubino nero decisamente molto fashion!!! :))

    RispondiElimina
  3. ti auguro un felice Natale,
    ti leggo e poi leggo il commento di Bruno@ e penso che anche il web scalda il cuore!!

    RispondiElimina
  4. Eddai, il libro di architettura disegnato a mano lo voglio anch'io.

    Buon Natale Sonia, felice e sereno.

    RispondiElimina
  5. Io invece voglio sapere che ginocchiere per i roller troverai: sono ancora un po' scimmia sui gradini ma le speranze per la primavera non le ho ancora abbandonate! Buon Natale, con tutti i suoi piccoli importantissimi regali.

    RispondiElimina
  6. ...non ho letto il post...lo leggerò...ho visto questa bella canzone dei pooh...che intanto giro per blog ..me la ascolto...SONO di CORSSISSIMA....

    ....cose belle!!!:)
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  7. ...qualcosa in quella lista mi suona familiare... ;-) sono fiera che sia fra le tue stelle sberluccicanti...quel sogno lì, e tanti altri, riuscirai a realizzarli. Sei una bella persona, sono contenta di averti incontrata.
    Buon Natale Sonia.

    RispondiElimina
  8. Buon Natale Sonia, ti auguro ogni bene. Condivido totalmente ciò che ha scritto Sabby. Ciao, Daniela

    RispondiElimina
  9. Che strano.....come leggendo da te quelle cose stupide di ogni giorno mi siano parse piu importanti, piu belle...Sto, purtroppo, perdendo la sensibilita per le piccole cose....e non va bene.Tuinvece, continua cosi! Tanti cari auguri

    RispondiElimina
  10. ...regali ne hai avuti...e anche IMPORTANTI....per il resto con calma ...Babbo Natale arriva ogni anno.
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  11. Sabby, sono una grande sostenitrice di questa idea! grazie mille per gli auguri e auguroni anche a te e tutta la family

    RispondiElimina
  12. Mi spiace Arthur ma non posso accontentarti, è un Pezzo Più Unico che Raro! come chi me la ha dato! :D (Capisci a me!)

    RispondiElimina
  13. Artista incantevole che sei! grazie a te per le emozioni che regali con la tua Arte. e quel particolare "familiare" è ancora sul mio cruscotto dlla puffa!
    Buonissime Feste

    RispondiElimina
  14. Daniela, auguronissimi anche a te! mi raccomando, che sia un anno migliore di quello che ci lasciamo alle spalle!

    RispondiElimina
  15. Rosaaa mi stavi scappando! certo che per primavera saremo pronte per i roller! tutte e due! ci conto.

    RispondiElimina
  16. Patty, visto il momento che stai passando è normale che ti sembri tutto così vuoto. ma credo che appena troverai la strada giusta anche le prospettive cambieranno.
    auguroni di cuore a te.

    RispondiElimina
  17. Vania, auguronissimi... sto preparando la letterina per l anno prossimo! ;)

    RispondiElimina
  18. Chiedo scusa anche qui per il ritardo con cui faccio i miei auguri, ma non è proprio un gran periodo, ed il tempo a disposizione ultimamente non mi aiuta.
    Belle le parole di questo post. Belle e sentite, come un piccolo canto di Natale.
    Mi sa che l'architetto(perché è un architetto, vero? Pazienza, nessuno è perfetto...)ha un bel regalo da mettere sotto l'albero
    (perchè ci stai, sotto l'albero, vero????
    :-):-):-):-):-):-):-):-):-):-):-):-)

    RispondiElimina
  19. Mancato! Nel senso... un architetto mancato! però vabbè... c ha pure altre doti, te lo garantisco.
    Auguronissimi anche a te e alla tua Cucciola! Divertitevi a Disnayland! ;)

    ps. certo che ci sto sotto l albero! pure sotto quello dei puffi a volerla dire tutta! ;)

    RispondiElimina
  20. disneyland... pignolo!!! :)

    RispondiElimina
  21. E allora, Buon Anno ricciolona, sereno e, perché no, pieno anche di capricci. ;)

    RispondiElimina
  22. Auguri Sonia.
    Un 2012 fantaultrastrabiliantissimo!!!

    RispondiElimina

pensieri a vanvera... ma non troppo.

Leggo sempre più spesso di persone che mollano tutto e partono. In un paio di occasioni mi è anche stato detto: "perché non molli tu...