venerdì 16 dicembre 2011

Ho ucciso per molto meno

Che sia una giornata di nutella è chiaro perché:
  • piove
  • il commercialista è sempre in ritardo con stipendio e affini e il mio saldo attuale è 3,72 euro. 
  • oggi sarei dovuta restare in ufficio solo mezza giornata. e invece sono ancora qui.
  • oggi sarei dovuta partire
  • oggi c è sciopero dei mezzi pubblici e pure dei treni
  • evidentemente non sono partita (per questo e altri motivi)
  • evidentemente mi perdo la mostra di Leonardo che progettavo di vedere da ancor prima che venisse aperta al pubblico
  • ho dato un colpo di anca allo spigolo del bancone (è una mia prerogativa piantarmi gli spigoli nelle ànche).
  • ho spedito un paccocelere1 che doveva essere consegnato in un giorno (cascasse una pannocchia)
  • ho il profondo desiderio di scaricare un intero granaio in testa a Poste Italiane, agli ideatori della bellissima pubblicità che fanno, con le promesse che manterrano sì e no mezza volta su quattro,  e perché no, alla mia amichetta dello sportello, così per simpatia e partecipazione, visto che nonostante il costo di spedizione del suddetto pacco sono passati n. 2 giorni e ancora non è stato consegnato. 
  • ma soprattutto: darei fuoco volentieri al dox dei ddt che, ancora per cause da accertare, si è inghiottito le chiavi della mia macchina in un ora qualsiasi della mattina, per poi risputarle solo alle 13.15 facendomi perdere tutta la pausa pranzo costringendomi a restare blindata qui dentro. 
  On Air: Ci vuole un fisico bestiale - Luca Carboni

12 commenti:

  1. Lascia stare la Nutella. In giornate così: crema Baratti&Milano, un paio di euro in più ma ne vale la pena. Se prevedi giornate peggiori, posso salire di livello anche con i consigli sulle creme spalmabili.

    RispondiElimina
  2. ciao Rosa, ho scritto "nutella" ma nella stesura originale era "una giornata di m..." ma poi c è chi mi tassa per ogni parolaccia che dico!
    comunque...
    Rilancio con della crema spalmabile della Gobbino... signur... limitarsi a mangiarla è un delitto!

    RispondiElimina
  3. Io consiglio la crema Novi, che, dopo avere studiato attentamente l'etichetta al supermercato (stazionando in corsia per una decina di minuti), presumo abbia meno grassi e vi si possa affondare il dito dentro con meno remore.
    Cià!

    RispondiElimina
  4. Socia cara... tranquila... m è passata!!! :)

    RispondiElimina
  5. WikiAquila, alla fine nessuna crema al cioccolato di sorta... a momenti non facevo nemmeno la spesa ad oggi il mio saldo è ancora come quanto sopra! :(

    RispondiElimina
  6. Cinciacara, ok... la proverò! promesso.

    RispondiElimina
  7. no, vabbè, ma non puoi fare così...la devi smettere di farmi ridere con le lacrime, mentre le mie colleghe mi guardano inebetite...giornata di nutella...bella questa...rubo, o almeno cercherò di usarla in presenza di mia figlia la quale, ogni volta che dico una parolaccia (spesso) dice che le devo 5 euro. 5 euro a parolaccia vuol dire che il deficit pubblico mi fa un baffo...

    RispondiElimina
  8. Tesora bella! e ti pare così di ridere delle mie disgrazie ? ;) scherzo, lo sai! ridi che ti fa buon sangue! più del vino...
    sai che anch io c ho chi mi tassa le parolacce? però è più umano, di euro me ne domanda 1, però mi sa che ormai avanza tipo un paio di cene di pesce e un w.e. all inclusive a Parigi.

    RispondiElimina
  9. Sys. vedi invece come colgo subito anche dove non c'è un chiaro invito della giornata a strafogarsi di cioccolato?! Sono grave, mi sa!
    Totalmente d'accordo sul tuo consiglio.

    RispondiElimina
  10. RosaVerde, cogliere l invito allo strafogo di cioccolato non è mai sbagliato! anzi!!! ;)

    RispondiElimina

Ma come ottobre?

Ma...? ma come ottobre? di già? e l'ultimo mese dov'è finito? e poi, già che ci siete, datemi le coordinate dell'ultimo an...