lunedì 28 novembre 2011

Una domenica per l'ADMO

Questo era il "nostro" banchetto. Pronto in meno di una decina di minuti, che quando fa freddo si scatta come cavallette e le cose sono più veloci. Eravamo in tre, carichi e motivati. 
All'inizio però non sembra una cosa così semplice. C è la crisi e pure i buongiorno sembrano costare cari. E così c è chi ti passa davanti e fa finta di non vederti, chi ti guarda e pure male, chi dice un buongiorno stretto tra i denti giusto perché la mamma 60 anni fa gli ha insegnato così e non ce la fa proprio a disobbedire. 
Altri che sfilano nell'indifferenza. 
Ma no il nostro sorriso e il "buongiorno! vuole un panettone che si fa domenica?" l'abbiamo regalato a piene mani, e non ci siamo demoralizzati troppo. Quello che ha colpito però un po' tutti è che le persone non sorridono. Camminavano frettolose per andare o tornare da Messa, e già avevano il muso. Giravano con le sporte dei regali di Natale e grignivano. E' vero, di questi tempi c è poco da stare allegri, ma alle volte penso che si potrebbe spendere pure un po' di meno e sorridere un po' di più. Forse si vivrebbe meglio. 
A metà mattina scopro il sacchettone nuovo dei palloncini in uno degli scatoloni ancora chiuso. E già che solitamente giro con la sindrome da paiasso* in tasca, non è che mi fermo a pensarci troppo su, gonfio un palloncino e lo faccio volteggiare sulle nostre teste. Giallo come il sole che, arrivava ovunque, meno in quella via stretta con i palazzi alti, almeno ci si scalda un po'. E scopro che i bimbi più piccoli hanno ancora la capacità di stupirsi davanti ad un palloncino. Fermarsi a guardare le loro espressioni mentre abbracciano un pallone più grande di loro, ti fanno dimenticare il freddo e i grugniti antipatici. L'immagine più bella? Una bimba che camminava appena, sfuggiva dalle mani del papà in cerca della mamma dentro ad un negozio, il padre impegnato a rassicurarla "arriva subito la mamma, tranquilla!" e lei che piangeva come una pazza. Mi avvicino con un palloncino rosa e le dico: "se io ti regalo questo palloncino, tu lo regali a me un sorrisone?". La bimba guarda questa cosa rosa davanti a lei e smette in un secondo di emettere qualsiasi tipo di suono, spalanca gli occhi e sul viso le si apre in un sorrido a quattro denti che lascia ammutolita anche me. Proprio me, che il più delle volte ho la sensazione di avere l'istinto materno di una cozza. 
E mentre prende il palloncino (più grande di lei) dalle mie mani e guarda suo papà, sempre con quell'espressione incantevole così difficile da raccontare, io me ne ritorno al banchetto, in cerca di altri palloncini e in tempo per incartare un paio di pannettoni. Sullo sfondo, l'abete davanti al palazzo del comune sberluccica già.
E mi sento un po' paiassa, un po' commossa, tanto allegra e con la sensazione di essere nel posto giusto. 
Al momento giusto.

*paiasso = pagliaccio detto in patavino. 


3 commenti:

  1. Già, è un periodo che mette a dura prova tutti, per molti versi.
    A me ha fatto tenerezza una famigliola (mamma papà figlioletta) al supermercato: sabato c'era la colletta alimentare e stavano davanti al reparto omogeneizzati. La bimbetta chiedeva e i genitori spiegavano che le cosine erano per i bimbi poveri.
    :)

    RispondiElimina
  2. E così magari quella bimba crescerà con l idea che anche chi ha poco può fare qualcosa per chi non ha niente. è un immagine che dà ancora speranza.
    (ti ho appena letta da emmecarla, ed è sempre un piacere incrociare i tuoi scritti)

    RispondiElimina
  3. Eh, si, hai proprio ragione. Sarebbe bello davvero riuscire a stupirsi ancora come fanno i bambini. E quando spalancano gli occhioni e la bocca, a noi adulti si spalanca il cuore. Peccato che poi, i problemi, i contrattempi e la routine delle nostre giornate ci trasformano il sorriso in un ghigno. Io cerco sempre di affrontare le giornate con leggerezza, ma non è mai facile. E non è del mondo degli adulti essere leggeri, si passa spesso per superficiali.

    RispondiElimina

Maggio arriva sempre...

Maggio ‘riva sempre. Anche quando ghe ze la guerra. Anche quando l’aria non la sa de rose ma de polvere da sparo. Maggio ‘riva s...