giovedì 13 ottobre 2011

Caos & Disordine

Riprendere possesso della propria deambulazione in modo corretto e quasi disinvolto, significa anche poter riprendere il filo con discorsi lasciati in sospeso per troppo tempo. Ad esempio la riorganizzazione degli spazi di casa e dell'ufficio (quest ultimo lasciato alla mercè dei nani troppo a lungo!)
Ora, sarà che abito in quella che amo definire "la tana del tasso" e la mia vita si srotola in quelli che sono forse ad essere piuttosto ottimisti 30 mq, ma io c ho un vizio. Mia madre lo considera quasi un difetto. Ma io c ho sta cosa che di tanto in tanto devo rovesciare l ordine instabile delle cose. Ribaltare gli orizzonti visivi e cercare nuove soluzioni dinamiche atte a ottimizzare gli spazi e rendere gradevole e appagante il rientro in casa. Inverto l ordine dei fattori e il prodotto è un continuo cambiamento. La scrivania, ad esempio, dall essere posta in fondo ai piedi del letto è passata contro il muro... e poi basta. Nel senso che se fosse per me cambierei pure la posizione del letto, ogni tanto farei trottolare il divano, ma non si può. Quelle sono le pareti che ho a disposizione e quella attuale è la sistemazione ottimale. Nel dubbio volessi far girare il tavolo da pranzo, si è pensato bene di sostituirlo con una penisola ben inchiodata al muro. Alla fine devo darmi soddisfazione con il trottorellare dei soprammobili e dei ninnoli e delle puttanizie che passano da scaffali a librerie con soluzione di continuità periodica. Perché mai?
Ma perché a lungo andare ci si abitua, a tenere le stesse cose sempre nello stesso posto, ci si fa l occhio e poi zac, sta cosa sparisce. Non la vedete più. Sarà capitato anche a voi!
No, non sto parlando di vostra moglie... averete sicuramente appeso un quadro in casa, (magari bruttino, regalo di matrimonio della zia Clotilde, zia da parte di vostra moglie,  che vi stava pure un po' antipatica - la zia non la moglie - perché metteva il rossetto rosa sciocching, ché su Intimità stava scritto che faceva molto "glemur"), quello con il paesaggio naif della brughiera. E già allora tempo un paio di settimane, non la notavate più la landa desolata. 
Ora, dopo 17 anni di matrimonio la guardate solo quando è tempo di tinteggiare e sperate sempre  si perda  mentre la riponete  in cantina (la brughiera... non la moglie).

Ad ogni modo, in questo periodo come tutti gli anni ci si ritrova a fare il cambio di stagione nell'armadio. Grazie a Zeus, la Tana è fornita di garage. E quindi ciò che non sta su trova spazio giù. Nel frattempo, visto che la temperatura esterna cambia circa ogni mezzora, l amata sedia blu, quella della scrivania, viene sommersa da ciò che misi e deposi, forse dimenticai, nella speranza ingannevole di ritrovare i panni in fila mentre si dirigono in modo autonomo verso la lavatrice (che sta in cucina, sotto al tagliere) mossi da pietà empatica nei miei confronti. 
Io, donna single in carriera (!!!), ogni volta che entro all'ikea vorrei portarmi a casa uno dei loro arredatori, quelli che ti montano la cucina e poi mettono ogni singolo fusillo nella scatolina dei fusilli e l origano con il postaspezie e nell apposito posto del portaspezie. O un tizio di quelli che dopo aver montato l armadio ti mettono tutto bene in fila, in sacro ordine, e a portata di mano.
Che se poi costui sapesse pure cucinare o stirare potrei pure pensare di addottarlo. Così, per il gusto di tornare a casa e trovare ogni cosa al suo posto, e un posto per ogni cosa.
Gironzolo per il percorso guidato, apro i cassetti e resto lì a domandarmi perché non ho anch io un porta scatoline a scacchiera, tutti quadretti di tre cm per due da infilare nel cassetto più sottile del "settimanale". Manco avessi una collezione di brillanti da metter in ordine alfabetico di donatore. Ma a pensarci io non ce l ho un settimanale, ho un comò in legno di pino comprato al mercatino dell usato. 
Che poi ogni tanto le folgorazioni mistiche piovono anche su di me, ad esempio quando incappo nel volantino del Brico Center (io ADORO i brico center!) e vedo gli sconti sui mobiletti ad angolo in ferro battuto, le mensole, il porta fiori con i bracci apribili e i phon per gli stendini! come ho potuto vivere senza fino ad oggi?  E mi illumino di immenso.
Io con gli sconti c ho arredato casa! Se non fosse che non ho una mezza parete libera (l ultimo angolo è stato usato per appendere il porta papere) e degli angoli liberi se n è persa traccia nel 2008.

Che amarezza.
Io e l ordine non siamo compatibili.
I nostri rispettivi bioritmi viaggiano a corrente opposta alternata e non c è verso di farli accostare senza creare scintille.
Però, visto che le nuove stagioni portano nuovi buoni propositi ho deciso che proverò ad essere più ordinata.  Ad organizzarmi il tempo che non basta mai, a fare le lavatrici nella fascia oraria giusta, a stirare con regolarità, riempire il frigo prima di sentirci dentro l eco di vaghe rimembranze.
Magari faccio uno di quei "piani di lavoro" che piacevano tanto alla mia professoressa di educazione tecnica delle medie, ogni volta che si doveva fare un lavoro di gruppo esordiva con "dopppiamo fare un pppiano di lavvvvoro". Mai sedersi in primo banco nella sua ora. 
Quindi... pppiano di lavvvoro sorretto dalle calamite del frigo, e magari l investimento nell'acquisto di un organizer, che fa molto Donna da tenersi in borsa.
Se imparo a gestire con ordine uno di quegli aggeggi lì, sono a cavallo.

16 commenti:

  1. ah ecco!!!!
    sei sys....t'avevo persa!!!
    l'ordine...è lantitesi del disordine...perfetto!!!
    ..se non sei te che mi segui io come fo'?
    metto il tuo link nel roll!

    RispondiElimina
  2. Ho pensato per un attimo alla brughiera del quadro. E ho avuto un brivido. Poi mi sono fortunatamente ricordato: e chi lo ha avuto mai??

    RispondiElimina
  3. Semprevento, "Nice" parlava di caos e di stelle danzanti... casa mia alle volte rasenta il Big Bang! ;)
    linkami tutta!!!

    RispondiElimina
  4. Eh Anonimo... se il problema fosse la brughiera...

    RispondiElimina
  5. Acc.. perdona l'anonimato. Sono io, ma a volte dimentico la firma.
    Thunder

    RispondiElimina
  6. Thunderrrrr!!!Altro che brughiera! Tu non c hai nemmeno la moglie da mettere in cantina! c hai una figliuola meravigliosa tra le mani!!! (che se niente niente te lo scordi...-cosa che reputo complicata assai a dirla tutta- ti spezzo le baccine!)

    RispondiElimina
  7. Ti leggo per la prima volta, e mi hai fatto scompisciare dalle risate!! Credo tornero' spesso da queste parti!! Evviva il disordine e anche chi cerca di contenerlo un minimo! :)
    Sab

    RispondiElimina
  8. Ben Trovata Sab! felice di averti fatto ridere. Mi sa che torno pure io da te!!!

    RispondiElimina
  9. Ah, @Sys, saresti a cavallo, eh ?
    Ma ... ehm ... @Melli che direbbe ???

    RispondiElimina
  10. IO, so cucinare, so mettere in ordine e per giunta so anche arredare... mi adotti?
    No, scherzo ovviamente, non faresti un buon affare.

    Ma al di là della battuta per'altro spontanea, perché prendersi a tutti i costi cura delle cose per poi metterle al loro giusto (quale di grazia) posto?

    Una mia amica una volta disse auna cosa che al momento mi aveva fatto ridere, ma che poi pensandoci in fondo non aveva tutti i torti e cioè, che fastidio da la polvere? E' lì, tranquilla, non da fastidio a nessuno,perché prendersi la briga di rimuoverla? :-)

    La casa, la nostra casa, deve essere a misura nostra, ergonomica per le nostre esigenze e allora, ben vengano i vestiti sulle sedie, ben venga tutto ciò che non ci crea problemi e se li crea agli altri?

    Beh, mi sembra scontato, è un loro problema. :-)

    Mi piace il tuo nuovo vestito che, tra l'altro, non da assolutamente l'idea del disordine.
    belli i tuoi riccioli.

    Ciao!

    RispondiElimina
  11. un mio amico aveva, nel cassetto, le camicie ben impilate, tutte ordinate per colore e modello, lemutande con le mutande, le magliette con le magliette, cubi perfetti e profumati con tre palline profumate alla canfora a ornare. Sotto teneva i kalashnicov.
    Diffidare dal troppo ordine...diffidare...
    1 e più abbracci
    Bruno

    RispondiElimina
  12. Mah! Cavalier Bruno, credo che alla Melli basti che non usi lei come cavallo! Del resto se dovessi portarmi a casa un poni lei lo guarderebbe dicendo "ottimo... io accendo il barbecue!"

    RispondiElimina
  13. Arthur, se vuoi ti addotto ma dopo un periodo di prova e con diritto di recesso! :)

    Sono perfettamente d accordo con te quando dici che la casa deve essere su misura nostra. E se qualcosa non va sono problemi altrui... però effettivamente, quando non riesco più a trovare la scrivania perché sommersa non mi ci trovo nemmeno io... è lì che nasce il conflitto!
    Ieri ho messo in ordine l armadio (mezzo) ho visto cose che voi umani...

    PS. e grazie del complimento! :)

    RispondiElimina
  14. Bruno...ma... ma che amici frequenti???
    per contropartita ti dico che di me allora ci si può fidare ciecamente! :)
    2 e più abbracci!

    RispondiElimina
  15. Anche a me in autunno viene voglia di mettere in ordine, ma per fortuna passa subito.
    Ciao!

    RispondiElimina
  16. hihih! ;) ciao Cincia!

    RispondiElimina

Ma come ottobre?

Ma...? ma come ottobre? di già? e l'ultimo mese dov'è finito? e poi, già che ci siete, datemi le coordinate dell'ultimo an...