mercoledì 13 luglio 2011

La Pioggia che aspetto

Continuo a sognare di poter correre. 
All'inizio ho paura, come quando sono sveglia.  Che l istinto mi farebbe fare un passo e poi mi manca l aria e mi fermo. 
Poi invece le mie gambe partono e io mi stupisco, nel sogno, di riuscirci.  Incredula. 
Corro persino meglio di prima. Le gambe si muovono da sole, senza sforzo e non mi viene nemmeno il fiatone. 
Corro sotto la pioggia. La pioggia dei giorni d estate quella che aspetti con ansia, e aspettano anche gli alberi che piantano e si dimenticano lungo le strade e hanno tutte le foglie tristi. La pioggia che non ti fa scappare al riparo, ma ti fa alzare la testa e tirare fuori la lingua. 
 E fregartene delle polveri sottili.
La pioggia che ti fa allargare le braccia e chiudere gli occhi per prenderla meglio, e prenderne di più, e in un minuto sei zuppo come un pulcino. 
E stai bene. 
E la gente ti guarda come se fossi pazzo. Non si fa. Dovevi portarti l ombrello. E se poi ti piglia un fulmine? Imprudente. E' sbagliato. Questa cosa è sbagliata. Potresti prenderti un accidenti. Copriti. Previeni. Tieni sempre un ombrello o l impermeabile in auto, non si sa mai. Eh, non ci sono più le mezze stagioni. 
Ma la pioggia è Vita. Lo sanno quegli alberi con le radici incastrate sotto il cemento, che l'aspettano più della manna. Il loro non è un vivere è un resistere. Non hanno scelta. Ma io posso allargare le braccia. Posso abbracciarla e lasciarmi abbracciare.
La pioggia è limpida anche quando porta con sè vento di scirocco. Perché la sabbia viene da deserti lontani. E' pioggia che racchiude un viaggio. 
"Fa brutto, piove..." Perché brutto? Rispetto a cosa? Al sole che fa lamentare tutti perché fa troppo caldo? 
Rispetto al fatto che, se piove, non puoi incolonnarti per ore con l ombrellone legato sul portapacchi dell auto, il frigoportatile pieno di panini e ritagliarti il tuo mezzo metro quadrato in una spiaggia che odora di crema solare? Tutti per la stessa strada, perché è così ti hanno detto che si fa. 

Amo la pioggia, quella improvvisa che ti piove addosso e ti disarma. Quella che ti inzuppa da capo a piedi, fino nella biancheria intima, che quando cammini lasci le pozze per casa, hai lasciato le scarpe sullo zerbino e vorresti pure provare a sembrare scocciata ma alla fine ridi cercando un asciugamanto con le dita che gocciolano all unisono con i capelli. 
Amo la pioggia fredda sulla schiena che ti fa venire la pelle d oca e alzare le spalle fino alle orecchie, ma che ti "abitui" subito e ti piace ancora prima e sempre di più. 
Amo la pioggia che non ha nulla di sbagliato, che ti rigenera e ti leva la polvere di dosso, dai pensieri, dai gesti, dalle abitudini. La pioggia che ti fa andare in palla tutti i piani, e che per un attimo sembri un navigatore satellitare a cui non hanno dato retta e deve rielaborare una nuova strada in pochi secondi. Amo la pioggia che senti cadere di notte, oltre la finestra. Disseta le piante e picchietta sui sassi, ti sveglia e ti fa allungare un braccio nel letto a pescare un sorriso. 
Amo la pioggia che non mi impedisce di correre, ma mi fa andare più forte. 
Amo la pioggia che aspetto, che non è ancora arrivata ma so arriverà. E mi pioverà addosso (pronuncia: con una d sola).
L ombrello non fa proprio per me.

9 commenti:

  1. Diciamo che qualche giorno fa il tuo amore sarebbe stato messo alla prova, qui da noi

    Thunder

    RispondiElimina
  2. Volendo essere puntigliosi, sig. Thunder: il mio amore è stato messo alla prova spesso, dalle sue parti.

    :) e ben tornato. sai che mi sei mancato?

    RispondiElimina
  3. E certo che se ti ostini a frequentare determinati postacci...

    (mancato? Mica sono andato via...)

    Thunder

    RispondiElimina
  4. noo, non sono postacci! anzi... lo sai che non potrei mai definire le tue parti così. Vivere la Capitale come l ho vissuta, ne valeva la pena.

    (diciamo che eri in altre faccende affaccendato?)

    RispondiElimina
  5. Te la faccio vivere io, la capitale. Poi mi dici :P

    (Affaccendato è la parola giusta)

    Thunder

    RispondiElimina
  6. mi piace la pioggia, però di sera, quando sono a letto, lì mi sembra un'amica, fuori no!!!

    RispondiElimina
  7. magari con un bel libro tra le mani, vero sabby? :)

    buongiorno cara.

    RispondiElimina
  8. E' nel nostro DNA, cara Sonia, quella pioggia che cade su terreni riarsi, che suscita nuovi profumi antichi cari alla memoria, che bagna e lava ( e non solo i corpi ), che ci fa correre felici e immemori con un ritrovato ardore lungo viali e sentieri di bosco, quella pioggia che fa rinvigorire foglie semi appassite e petali di fiore, quella pioggia benefica che ridesta sapori dimenticati .... e mette le ali a quel nostro correre felici sotto le sue gocce oneste, finalmente vivi e noi stessi, lontani da tutte le inquietudini e le maschere, lontani da tutto ... come in un tempo perduto !
    Sì, carissima amica mia, amo anch' io come te questa pioggia gentile !
    Un abbraccio ... intriso di pioggia ma felice, romantica @Sys !

    RispondiElimina
  9. Buon fine settimana Cavaliere, a te e a chi con te condivide giorni di sole e pioggia gentile.

    un abbraccio.

    RispondiElimina

E' arrivata l'estate. Cercavo un'immagine che me la evocasse e ho preso un'insalata d'orzo con le verdure. L'ador...