giovedì 7 luglio 2011

Chi mi capisce è bravo

"Giovedì Gnocchi"
No, qui il giovedì Pollo Fritto. 
Io tollero appena gli gnocchi.
Odio il pollo fritto.
Il giovedì, nella piazzetta adiacente l ufficio c è il mercato, e c è il furgone dell'ambulante che vende frittura. 
Secondo me frigge tutto nello stesso olio, dal pollo alle zampe di rospo, ai pezzetti della camera d aria della bici del figlio, bucata nell '82 ma che era un peccato buttarla via, che c è la crisi.
(Non ricordo chi ha detto, che si butterebbero via molte più cose se non avessimo paura che qualcuno le raccogliesse).
Però, scendere dalla macchina e sentire l'odore di pollo fritto, oltre a farti venire la nausea mi ricorda che è giovedì, e che c è un fine settimana alle porte. 
L'olfatto è un senso trascurato. 
Lo sa bene P. che ogni qualvolta mette piede in ufficio mi fa venire mal di testa e la voglia di dirgli che l'acqua corrente, calda o fredda che sia, è stata inventata parecchi anni fa, ed è un bene di cui dovrebbe godere più spesso. 
Lo so bene io che adoro il profumo delle camicie fresche di bucato. 
O della mia pelle quando è calda e profuma di melanina. 

O di quel profumo che, lo so me l hai detto un sacco di volte il nome, ma io i nomi specie se stranieri mi ci vuole un enternità per impararli.
(Vorrà dire che te lo chiederò di nuovo). 
Comunque.
Ho un w.e. da inventarmi. 
Oddio. 
Quello scorso è stato vissuto sull onda dell improvvisazione, seguendo il solo ritmo della voglia di fare quella cosa in quel momento ed è stato a dir poco perfetto. 
Perfetto sì, come il miele nella brioche integrale. 
Come il polipo con le patate (entrambi tiepidi, ma non caldi).
Come la crema di zabaione (rigorosamente calda).
Come l'11 orizzontale: inattesa, non prevista. 11 lettere, cruciverba telefonico collettivo di facile risoluzione. 
Perfetto. 
Questo w.e. invece penso mi darò al ripristino dell agibilità del campo profughi del monopoli, quello tra parco della vittoria e viale dei giardini, al confine con la casella del "tassa di lusso" (la crisi c è, è tangibile non risparma nessuno), ossia casa mia. 
Da venerdì non è più la tana del tasso, è solo la cuccia della Melli e il ripostiglio dove abbandono tutto ciò che ho a mano prima di crollare direttamente sul letto (per inciso ancora senza il lenzuolo viste le ultime esibizioni della belva pelosa). 
Urge l intervento della Sciura Cesira (sempre io ma con il mocho in mano) prima che i Nas bussino alla porta armati di antitetanica. 
Che poi. 
Potrebbe pure essere un occasione.
No?
Dico. 
Un occasione per organizzare le cose per riuscire a trovare lo spazio per accogliere gli strumenti di lavoro che potrebbero dare forma a quel progetto che è il mio chiodo fisso dal giorno 1 luglio (bel giorno per prendere una decisione no? m è venuta così). Ho contato le mail di paranoia che ho mandato a Thunder sull'argomento. Tra botta e risposta sono 29. E ancora mi s(u)opporta. 
Ne ho scritta solo una a Marco. 
E lui mi ha risposto immediatamente (lo sai, io lo adoro Marco ma alle volte risponde dopo un mese, questa volta, visto l'oggetto, invece) citandomi nientepopòdimenoche Malcom X (e sono soddisfazioni).
Ho voglia di far cambiare le cose. 
Far cambiare lo sguardo intorno a me. 
Cambiare scenario, il colore delle tende. 
Bene. 
Allora è deciso. 
Sabato inizia il processo di metamorfosi. 
Capita sempre così no? Parti dalle tende, da un lenzuolo e chissà dove vai a finire. 
Rinnovarsi è bello. (L'unica gioia al mondo è cominciare. E' bello vivere, perché vivere è cominciare sempre ad ogni istante, diceva Cesare).
Però, sono qui che penso...
(e non dirmi quella battuta, che lo sai che poi ti guardo storto
Sai che nel rinnovarsi è pure bello scoprire che certe cose non cambiano? 
Che l'aria di certi posti, nonosante il tempo passi, ti fanno sempre lo stesso effetto? E' rassicurante. 
E sai che quella cosa delle palle di cannone sulla facciata mi è piaciuta tanto?
Non solo per la storia in sè... ma è il modo, il contesto, e il contorno del racconto...Per non parlare delle stelle della piazza, che andrebbero viste con meno fretta... la targa del conservatorio che mi sono persa (inaccettabile).
Perfetto.
Semplicemente Perfetto. 
Quasi quasi lascio le chiavi di casa ai Nas, le facessero loro le pulizie. 
Io ho voglia di tornare a sognare. 




12 commenti:

  1. ...ed è solo l'inizio, signora mia. Solo l'inizio

    Thunder

    RispondiElimina
  2. posto che il post è assai bello, sentito e pieno di energia positiva, quasi "elettrico" ;))

    a me gli gnocchi, anche se non fanno parte del mio background territorialculinario mi piacciono assai. Soprattutto al radicchio, gorgonzola e noci. Prelibatissimi. Ipercaloricissimi. Li potrò mangiare forse nel 2014
    Ciao!!!

    RispondiElimina
  3. Thunder, tu mi fai paura.
    è ufficiale.
    ma che farei senza te?
    mah...

    RispondiElimina
  4. Oh Bruno, sai che avevo menzionato pure te? più o meno nel punto dove parlavo di metamorfosi... poi ho preferito lasciarti fuori dai miei deliri, Thunder no invece, ormai c ha il callo.

    ad ogni modo, radicchio gorgonzola e noci? leggeri! quel poco che li tollero io li prendo con il burro e salvia, e spruzzatina di pepe. ma in questa stagione mi dimentico che esistono.

    RispondiElimina
  5. Io la magia del burro e salvia l'ho scoperta un'estate, sugli appennini bolognesi, ma erano ravioli non gnocchi, e la salvia stava dietro la casa, in cespugli che saltavano fuori dalle apposite aiuole ad altezza d'uomo. Presa e spezzettata nei piatti, così. Non è vero che le cose intense e le prime volte si vivono solo da bambina.

    RispondiElimina
  6. "anonima", ben venuta.
    no, direi di no.
    le prime volte non hanno età.
    e poi ci sono prime volte che magari sono pure quinte o seste, ma è sempre come fossero prime.

    RispondiElimina
  7. ...arrivo la prossima volta...ho in cucina un post di gnocchi burro e salvia con un ingrediente SEGRETO...cucinati l'altra sera...:))))

    ..vedi il cambiamento.:)))))))))
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  8. Allora? cambiate le tende?
    Se Vengono i NAS puoi sempre fargli un piatto di gnocchi burro e salvia :-)
    Ma sai davvero cucinare??? Nooon ci credo!

    RispondiElimina
  9. Vania! apri le finestre quando cucini! così "sento"!!! :)

    RispondiElimina
  10. Sì Ing! tende cambiate! e anche il copridivano, e la posizione dei ninnoli... e di alcuni libri...e ... oddio che stanchezza....
    comunque Sì io so cucinare.
    e a detta degli amici pure piuttosto benino.
    se non ci credi, chiedi a Thunder!

    RispondiElimina
  11. mi hai fatto ricordare un post che scrissi tempo fa sulla "puzza" di sudore!!!
    per giunta femminile!!!
    Mio marito ama il pollo fritto....!!!

    RispondiElimina
  12. ciao Sabby, preferisco i tuoi pomodori ripieni con il tonno... :)

    RispondiElimina

conto alla rovescia

La sento... la modalità "vacanza imminente" nell'aria. Me ne sono accorta quando, domenica, mettendo i miei jeans preferiti...